Provoca un incidente stradale e poi tenta il suicidio. Salvato

Prima il sinistro, poi il tentativo di farla finita. Dopo momenti di grande tensione l’uomo è stato salvato da pompieri e agenti della Polstrada.

Tragedia sfiorata ieri in provincia di Lecco, dove un uomo, dopo essere rimasto coinvolto in un incidente stradale, ha tentato di togliersi la vita gettandosi da un viadotto della Statale 36. Il fatto è avvenuto poco dopo le 19.30 quando, all’altezza dello svincolo di Bellano della super strada, due auto sono rimaste coinvolte in un sinistro.

Il dramma però si è consumato dopo l’incidente quando uno dei coinvolti, un giovane, ha ha cercato di compiere un gesto estremo tentando di buttarsi da un viadotto alto 90 metri.  Sul posto quindi si sono precipitati i Vigili del Fuoco con tre 3 squadre per evitare il peggio. La superstrada è stata chiusa al traffico e i soccorritori si sono impegnati per tentare di convincere il giovane a desistere. C’è voluta più di un’ora per convincere il giovane accovacciato all’esterno della balaustra, sull’orlo del precipizio, a desistere dall’insano gesto. Dopo momenti di grande tensione l’uomo è stato salvato dai pompieri ed è stato accompagnato in ospedale per accertamenti.

LEGGI ANCHE: Roberta Siragusa, il medico legale: “Non fu suicidio, la ragazza è stata uccisa”

A bordo dell’altra vettura coinvolta nell’incidente viaggiava una donna di 31 anni: è stata ricoverata in ospedale, ma non è in pericolo di vita. Nelle operazioni di soccorso tecnico urgente hanno collaborato anche gli agenti della Polstrada. Sul posto sono intervenute le ambulanze con a bordo i sanitari della Croce Rossa di Colico e i Volontari del Soccorso. In seguito la centrale operativa dell’Agenzia Regionale di Emergenza e Urgenza ha dirottato a Bellano anche un’auto medica con gli uomini del 118. Nel frattempo si sono mobilitati anche gli agenti della Polizia Stradale.

LEGGI ANCHE: Mottarone, Eitan è rientrato a casa: folla di cronisti, chiesto l’intervento delle forze dell’ordine

Quello di ieri è il terzo suicidio nella zona sventato da soccorritori e forze nell’ordine nel giro di pochi giorni. Il 2 giugno una ragazza che minacciava di farla finita gettandosi sulle rotaie all’altezza della stazione ferroviaria lecchese di Maggianico è stata tratta in salvo dagli agenti della Squadra Volanti della Questura di Lecco. Il 26 maggio un 44enne che si è lasciato cadere nell’Adda dal Ponte Vecchio è stato e salvato da un brigadiere dei Carabinieri in pensione che è entrato in acqua per recuperalo.