Voli, +19% sulle prenotazioni: scattano i rincari per le vacanze

Gli italiani hanno iniziato a programmare le vacanze estive. I dati in Lombardia rivelano che gran parte della popolazione a breve farà la valige. In tanti hanno prenotato i voli per raggiungere le rispettive mete turistiche, ma in molti casi si è dovuto fare i conti con rincari netti nei prezzi, soprattutto per quanto riguarda il trasporto dei bagagli. 

voli
I voli sono tornati a riempirsi in vista dell’estate – meteoweek.com

È tempo di vacanze in Italia e non solo. La popolazione non attende altro che concedersi qualche attimo di relax, tra green pass e mascherine, dopo un altro anno burrascoso. Al momento delle prenotazioni, tuttavia, è necessario fare i conti con i prezzi alle stelle. Le compagnie low cost, infatti, non sempre garantiscono voli ad un costo veramente basso. I rincari si fanno sentire negli extra: 20-25 euro per imbarcarsi tra i primi e con un trolley a mano, altri 6-30 euro per scegliere i posti e 40-70 euro per avere la valigia in stiva. Nonostante ciò, sono pochi coloro che rinunciano ad oltrepassare i confini della propria Regione o addirittura del proprio Paese. In Lombardia, in particolare, il turismo aereo soltanto nella scorsa settimana ha registrato un +19% sulle prenotazioni.

I voli in Lombardia

«Nelle ultime due settimane abbiamo registrato un incremento delle prenotazioni di oltre il 19% sulle otto rotte che serviamo da Bergamo e Linate», dice Valeria Rebasti, country manager per l’Italia e il Sud-Est Europa di Volotea. Nello stesso arco temporale «le prenotazioni originanti da Milano sono cresciute del 35% per chi vola a giugno-settembre», spiegano invece da Alitalia, che utilizza soltanto il city airport. I dati sulle vendite confermano quanto detto. Nella settimana dall’11 al 17 giugno i voli su Malpensa sono aumentati del 32%, su Linate del 21,3% e su Bergamo del 53% rispetto alle precedenti settimane. Il numero di passeggeri tra la seconda settimana di maggio e la seconda di giugno è sostanzialmente raddoppiata. Quest’ultima ha segnato un +654% rispetto allo stesso periodo del 2020, seppure i numeri siano ancora lontani da quelli antecedenti all’avvento del Covid-19 (-71%).

LEGGI ANCHE -> Febbre da topo, sintomi dell’infezione che ha infettato 200 persone in Slovenia e una in Italia

voli
I lombardi preferiscono le mete marittime alle città d’arte – meteoweek.com

LEGGI ANCHE -> Belgio, crolla una scuola in costruzione, muoiono 5 operai e 9 feriti

Le mete preferite dai lombardi sono quelle italiane. In molti, infatti, hanno scelto di non oltrepassare i confini nazionali quest’anno. È così che si dirigono verso le zone marittime, tra cui soprattutto le isole. Le destinazioni maggiormente scelte, come annunciano da Alitalia, sono Catania, Cagliari, Palermo, Olbia, Lamezia Terme, Brindisi, Napoli e Bari. «Le destinazioni italianeSicilia, Puglia e Sardegnasono le più gettonate», aggiunge un portavoce di EasyJet. «L’altro ieri abbiamo messo in vendita la Linate-Brindisi ed è andata molto bene già il primo giorno». Non mancano, ad ogni modo, coloro che non rinunciano ad una vacanza all’estero. Per lo più, tuttavia, si resta in Europa. In particolare, si registra un  «forte interesse anche per Spagna (in particolare Ibiza) e Grecia (soprattutto Santorini e Mykonos)».