L’immunologo Clerici a Meteoweek: “I raggi del sole disattivano il virus” [VIDEO]

Nel corso di una intervista l’immunologo Mario Clerici, docente dell’Università Statale di Milano e dell’istituto Don Gnocchi, spiega gli importanti risultati di una scoperta che potrebbe contribuire non poco a limitare l’azione del coronavirus alla base della pandemia di Covid 19.

L’immunologo Mario Clerici

E’ una scoperta destinata a cambiare il modo con cui si effettueranno le disinfezioni di locali e ambienti condivisi: i raggi Uva e Uvb uccidono nel giro di pochi secondi il virus del Covid-19. Mario Clerici, docente di immunologia all’Università Statale di Milano e alla fondazione Don Gnocchi, è entusiasta del frutto di ricerche iniziate lo scorso anno: “L’anno scorso avevamo dimostrato che i raggi  Uvc erano in grado di disattivare il virus, il problema è che non arrivano sulla superficie della terra. Fu una scoperta utile nella sterilizzazione di alcuni oggetti di uso comune come le banconote, ma non aveva applicazioni nel campo medico.”

LEGGI ANCHE: Cingolani, nucleare: “Voglio capire a cosa portano le nuove tecnologie”

La differenza è avvenuta estendo l’osservazione anche ai raggi Uva e Uvb e notare come nel giro di poche decine di secondi questo tipo di luce inattiva completamente il Sars Cov 2, nella quantità equivalente a quella presente nell’espettorato di un paziente affetto da una forma severa di Covid-19. Alcuni dubbi però sono stati sollevati a proposito dei risultati di questa ricerca quando diversi commentatori hanno fatto notare come in paesi dal clima caldo, come ad esempio India e Brasile, i contagi sono stati tutt’altro che lievi, ma al contrario hanno afflitto per lungo tempo la popolazione in maniera massiva.

I raggi solari sono solo una delle componenti del problema, a cui concorrono diversi altri fattori. In India per un mese le festività religiose con il rituale bagno nel Gange hanno favorito una certa promiscuità e in più l’inizio della stagione dei Monsoni ha contribuito a velare i raggi solari” spiega Clerici: “In Brasile poi è stato un vero caos nella gestione della pandemia, dal mancato utilizzo di mascherine ad altri dispositivi“.

LEGGI ANCHE: Il virologo Pregliasco a Meteoweek: “Necessaria prudenza, ma ne stiamo uscendo” [VIDEO]

Secondo Clerici le conseguenze di questa scoperta saranno principalmente due: in spiaggia con la rifrazione esercitata dalla sabbia e dalla luce il tempo di uccisione del Covid si dimezza e quindi è molto difficile il contagio.
Inoltre a breve sarà possibile lo sviluppo di lampade Uva e Uvb a luce pulsata che riusciranno a sterilizzare ampi spazi a condivisione pubblica, aumentano i margini di sicurezza per tutti gli ospiti di strutture o clienti di esercizi commerciali, ad esempio. Un altro duro colpo, dopo quello fondamentale dato dalla diffusione dei vaccini, assestato all’odiato virus Sars-Cov-2.