Marcello De Vito (FI) a Meteoweek: “Ecco perchè ho lasciato il M5S” [VIDEO]

Il presidente dell’Assemblea Capitolina, nonchè candidato sindaco del Movimento 5 Stelle a Roma, spiega i motivi del suo addio e della sua adesione al progetto politico di Forza Italia.

“Non sentivo più appartenenza a questa forza politica per quelle che ho definito ‘capriole ideologiche’: sono queste le parole che usa l’onorevole Marcello De Vito, presidente dell’Assemblea Capitolina a Roma, per sintetizzare i motivi del suo recente passaggio dal Movimento 5 Stelle a Forza Italia. Un passaggio “pesante”, vista l’importanza anche simbolica che De Vito incarna rispetto alle vicende romane del movimento che ha portato Virginia Raggi ad essere sindaca della capitale d’Italia: candidato sindaco per il Movimento nel 2013, e presidente dell’Assemblea Capitolina dal 2016, dopo la vittoria alle elezioni.

LEGGI ANCHE: Rifiuti Roma, Cerroni: “Situazione folle, darò suggerimenti a nuovo sindaco” 

“Mai col PD, per poi contraddirsi venti giorni dopo. E da lì una ridda di contraddizioni fino a finire nel campo progressista, che non è il mio”: i grandi cambiamenti che evidentemente hanno caratterizzato la storia recente del Movimento 5 Stelle non potevano essere ben digeriti da tutti. Marcello Di Vito è tra chi, a fronte di un riposizionamento del partito, ha scelto di sganciarsi. E’ probabile che anche l’inchiesta sullo stadio della Roma, nella quale il presidente dell’Assemblea Capitolian è stato coinvolto, possa aver determinato una distanza con il partito fondato da Grillo e Casaleggio.

Di certo, la sua adesione a Forza Italia appare convinta, fondata sui contenuti oltre che su una “vicinanza ideologica”: “Questa è una sfida in cui credo” afferma De Vito, “Abbiamo due ottimi candidati (Michetti e Matone, ndr) e siamo pronti a presentare un programma per la città ed i cittadini romani”. A partire da un intervento sul fisco: abbiamo infatti intervistato De Vito all’inaugurazione di uno dei tanti gazebo sparsi per l’Italia con i quali Forza Italia sta lanciando la sua proposta di riforma fiscale.

LEGGI ANCHE: M5s e Pd proseguono il dialogo, ma chiedono tempo e cautela

Non c’è una bocciatura totale, da parte di De Vito, rispetto all’operato della giunta Raggi: “Qualcosina è stato fatto, si è rimesso un pò a posto i conti ma troppo poco, un risultato mediocre” è il suo commento. Un giudizio agrodolce, che però denota una insoddisfazione rispetto al percorso portato avanti in questi cinque anni alla guida della Città Eterna. Ed ora l’avventura politica con Forza Italia: tra luglio e settembre la campagna elettorale entrerà nel vivo, e le proposte dell’ex candidato andranno a confluire nel progetto politico che il centrodestra proporrà a Roma. Nel video l’intervista completa.