Trans attaccano i chirurghi:«Problemi dopo operazioni per cambio sesso»

Trans attaccano i chirurghi:«Problemi dopo operazioni per cambio sesso». Tre medici del Policlinico finiti a processo 

Operazioni cambio sesso-Meteoweek.com

Quattro transessuali hanno denunciato tre medici del Policlinico Umberto I, ora finiti sotto processo, perché li avrebbero operati (per cambiare sesso) usando materiali non conformi e quindi procurando loro lesioni serie.

L’organo sessuale femminile, prodotto chirurgicamente si sarebbe richiuso creando nelle pazienti, una di 17 anni e tre di 20, un grave danno causato da epitelizzazione dei tessuti. Secondo il legale delle 4 trans, Alessandra Gracis, il danno sarebbe irreversibile. Non si potranno più operare in Italia ma solo in Thailandia dove la vagina potrebbe essere ricostruita servendosi di una parte di intestino.

Leggi anche:—>Covid, 153 dipedenti licenziati dagli ospedali per aver rifiutato il vaccino: «Non siamo delle cavie»

Secondo il pm Mauro Masnaghetti, il tessuto prelevato dalla bocca sarebbe stato trattato e non rispondeva più ai protocolli di sicurezza. «L’intervento chirurgico è stato effettuato con prassi consolidata perché l’innesto della mucosa della bocca viene realizzato da 50 anni», spiega l’avvocato Alessandro Benedetti che difende uno dei medici, «sono stati eseguiti decine di questi interventi che hanno salvato tante ragazze che sono nate senza vagina».