Il principe Giovanelli Marconi: “Lady D ingenua e fragile, Kate il suo opposto”

Le parole del principe Guglielmo Giovanelli Marconi in ricordo di Diana Frances Spencer, principessa del Galles, morta a Parigi sotto il tunnel del Pont de l’Alma il 31 agosto del 1997, che domani avrebbe compiuto 60 anni.

Principessa Elettra Marconi e Principe Guglielmo Giovanelli Marconi – Meteoweek

“Lady D era una donna ingenua, fragile, influenzabile. Troppo giovane, forse, troppo naif, per reggere il peso di una corona. Così diversa dalla duchessa di Cambridge, più solida, con un temperamento diverso. L’ago della bilancia della royal family”. Con queste parole il principe Guglielmo Giovanelli Marconi ha ricordato Diana Frances Spencer, principessa del Galles, morta a Parigi sotto il tunnel del Pont de l’Alma il 31 agosto del 1997, che domani avrebbe compiuto 60 anni.

Non ha ricordi di lady D il principe Giovanelli Marconi, solo brevi incontri ad Ascot con i giovanissimi William e Henry poco dopo la scomparsa della madre. “Lady D veniva da una famiglia inglese molto importante. Ma era stata come abbandonata al suo destino, viveva in un universo da fiaba e così aveva anche concepito il suo matrimonio – ha aggiunto- Forse non immaginava che ci fossero codici e regole da perseguire e non infrangere. Aveva indubbie qualità umane, ma ha anche commesso tanti passi falsi, fidandosi di chi le stava accanto. Basti pensare all’intervista concessa alla Bbc ‘estorta’ con l’inganno”.

LEGGI ANCHE: Starlink, Musk pronto a investire 30 miliardi: «Internet ovunque»

L’incontro con Lady D: “Ottima scelta, bellissimo nome”

La madre di Guglielmo Marconi, Elettra, figlia del Nobel della Fisica ha invece incontrato la principessa del Galles a Roma al Circolo della Caccia e a palazzo Wolkonsky, sede dell’ambasciata inglese a Roma, subito dopo la nascita del primo figlio, il principe William. “Poche parole con la moglie dell’erede al trono di Inghilterra da parte di mia madre – ha proseguito – Mi ha spesso ricordato di aver salutato la principessa del Galles comunicandole che anche lei aveva chiamato suo figlio Guglielmo. ‘Ottima scelta- le rispose- Un bellissimo nome”.