Starlink, Musk pronto a investire 30 miliardi: «Internet ovunque»

Elon Musk, il fondatore di Tesla e di Space X, intende investire circa 30 miliardi di dollari in Starlink, la costellazione di satelliti attualmente in costruzione. Ciò, in base alle prime stime, porterà Internet in tutto il mondo, tranne che nelle regioni polari, entro questo agosto. Gli utenti a metà del prossimo anno dovrebbero arrivare ad essere circa mezzo milione, a fronte dei 69 mila attuali. L’annuncio è arrivato in occasione del Mobile World Congress di Barcellona.

musk
Elon Musk, fondatore di Tesla e di Space X, produttore privato aerospaziale americano – meteoweek.com

Starlink, la costellazione di satelliti attualmente in costruzione dal produttore privato aerospaziale americano Space X, è in crescita. Il fondatore Elon Musk – noto anche poiché numero uno di Tesla – ha annunciato in occasione del Mobile World Congress di Barcellona di avere in cantiere un investimento tra i 20 e i 30 miliardi di dollari per il progetto. L’obiettivo è quello di avere circa mezzo milione di utenti per il suo servizio Internet satellitare entro la metà dell’anno prossimo a fronte dei poco più di 69 mila utenti che ne usufruiscono attualmente. Secondo l’imprenditore, sarà possibile portare Internet in tutto il mondo, tranne che nelle regioni polari, entro questo agosto.

LEGGI ANCHE -> Afghanistan: il ritiro delle truppe Usa rischia la guerra civile. Resteranno circa mille soldati

Attualmente il servizio offerto da Starlink promette agli utenti una velocità di download fino a 100 Mbps e una velocità di upload di 20 Mbps. Esso costerà ai clienti un prezzo iniziale di 99 dollari al mese più un investimento una tantum di 499 dollari in un impianto di trasmissione. Space X ha attualmente 1.500 satelliti in orbita bassa, ma sembrerebbe che, quando sarà a pieno regime, il servizio avrà 12.000 satelliti. “Il progetto è davvero pensato per le regioni scarsamente popolate“, ha spiegato Elon Musk, in una video-intervista registrata dalla California e mandata in onda nel corso del Mobile World Congress di Barcellona. “Stiamo davvero arrivando alle parti del mondo che sono più difficili da raggiungere”, ha concluso.