Israele, evasione dal carcere: in fuga detenuti di spicco

C’è anche Zakaria Zubeidi, un ex comandante dell’ala militare di al-Fatah, le Brigate dei martiri di Al-Aqsa, tra i sei detenuti evasi

In Medio Oriente non c’è pace, specie in questo periodo. Oltre alla caldissima vicenda dell’Afghanistan che potrebbe avere dei risvolti ulteriori con l’avanzata dell’Isis verso il paese ormai nelle mani dei talebani, in Israele c’è stata un’evasione importante. Infatti, tra i nomi die sei evasi dal carcere israeliano di massima sicurezza di Gilboa c’è anche Zakaria Zubeidi, un ex comandante dell’ala militare di al-Fatah, le Brigate dei martiri di Al-Aqsa. Lo rende noto il Times of Israel, mentre una fonte della sicurezza israeliana parla alla tv nazionale di ‘‘uno degli incidenti più gravi della storia recente”.

Israele, fuga dal carcere

Zubeidi e gli altri cinque detenuti stavano scontando una condanna all’ergastolo. La loro scomparsa è stata indicata all’alba di questa mattina, ma potrebbero essere fuggiti dal carcere prima. In campo squadre di polizia supportate da droni ed elicotteri per stanare i detenuti in fuga.

Leggi anche >  Attentato terroristico in Nuova Zelanda: 6 feriti, ucciso aggressore [VIDEO]

Le Brigate dei Martiri di al-Aqsa sono un gruppo militante palestinese vicino al partito politico al-Fath.  Si tratta di  una delle forze più attive nella seconda Intifada. Il gruppo è stato classificato come organizzazione terroristica da Israele, Stati Uniti, Canada, Unione Europea e Giappone perchè accusati di colpire i civili. 

Leggi anche > Afghanistan, l’annuncio dei talebani spegne ogni speranza

L’evasione potrebbe portare a nuove conseguenze sul clima ai confini tra Palestina e Israele. Un conflitto che non trova soluzioni se non delle tregue che si alternano a momenti di nuova tensione.