M5S, Conte: “Non ci sono le condizioni per appoggiare il Pd a Torino”

Giuseppe Conte, nuovo leader del M5S, si è recato quest’oggi a Torino per sostenere la candidata sindaca Valentina Sganga. L’ex Premier, in tal senso, ha sottolineato come non ci siano le condizioni per dare appoggio al Pd nelle elezioni, ma che si auspica che i democratici possano sostenere il suo partito in caso di ballottaggio. “Dispiace non ci sia stata la possibilità di creare un progetto comune”, ha detto.

conte
Giuseppe Conte è a capo del Movimento 5 Stelle – meteoweek.com

Il Movimento 5 Stelle si presenterà alle elezioni comunali di Torino con la candidata sindaca Valentina Sganga, scelta a luglio scorso attraverso la piattaforma SkyVote con il 54,24% delle preferenze degli attivisti cittadini. L’esponente pentastellata, sostenuta anche dai Verdi, quest’oggi in Piazza della Repubblica si è riunita con il leader Giuseppe Conte, il quale le ha manifestato il proprio appoggio. L’ex Premier, al contempo, ha ribadito che non c’è alcuna possibilità di alleanza con il centrosinistra. “Se andremo al ballottaggio, come credo, mi auguro che il Pd ci appoggi. Ma non ci sono le condizioni in questo momento per poter dire, dopo gli atteggiamenti assunti dal Partito democratico torinese, che noi appoggiamo il Pd a Torino. I cittadini non capirebbero. I cittadini comprendono concretezza e solidità della proposta politica, non apparentamenti così astratti”, ha sottolineato.

LEGGI ANCHE -> Zaia e le minacce no vax: «Uno mi ha scritto: ‘ti sparo in bocca’. È un militare con famiglia, non sottovalutiamo queste cose»

conte sganga
Valentina Sganga, candidata sindaca a Torino – meteoweek.com

LEGGI ANCHE -> Talebani festeggiano a 20 anni dall’11 settembre: «Bin Laden non attaccò le torri»

Giuseppe Conte, da parte sua, è voluto essere chiaro in merito ai motivi di tale scelta. “Con le forze dell’area di centrosinistra e con il Pd in particolare coltiviamo un dialogo continuo e constante. Ma in alcune realtà territoriali questo non è stato possibile, e una di queste è Torino. A me personalmente dispiace che non ci sia stata la possibilità, e non lo imputo certo al Movimento 5 Stelle, di creare un progetto comune con obiettivi condivisi per questa città. C’è stato un irrigidimento da parte del Pd locale, ne prendiamo atto”. Il capo dei pentastellati, d’altronde, è convinto che la proposta del proprio partito possa essere convincente. “Il progetto che noi presentiamo a Torino è concreto e solido, un progetto che è forte dell’esperienza amministrativa. La sindaca uscente ha fatto un lavoro importante, e secondo me il Movimento 5 Stelle ha tutte le carte in regola per presentare questa proposta: un progetto di governo per un nuovo mandato targato 5 Stelle per Torino. Credo sia una proposta molto competitiva”, ha concluso.