L’Inghilterra ci ripensa e dice No all’introduzione del Green Pass

Marcia indietro del Governo, la Scozia rimane l’unico Paese del Regno Unito ad avere adottato il Green Pass

Boris Johnson ci ha ripensato, sarà No all’introduzione del Green Pass per l’Inghilterra. Una scelta discutibile visto l’alto tasso di contagi nel Paese in cui solo nella giornata di ieri si sono contati quasi 37mila contagi e circa 60 morti. La Gran Bretagna, ma soprattutto il suo premier, si è dimostrata da sempre restia alle restrizioni per affrontare il Covid, salvo poi tornare sui suoi passi quando la situazione è diventata critica.

Per questo motivo l’Inghilterra non esclude la possibilità di ripensamenti, soprattutto in vista dell’autunno, periodo in cui il virus diventa più forte e aumenta il numero di decessi. Il ministro della Salute britannico, Sajid Javid, si è così rivolto alla stampa durante l’annuncio: “Non dobbiamo fare le cose solo per il gusto di farlo” ha commentato l’esponente del Governo. Finora l’unico paese del Regno Unito ad avere adottato l’obbligo di Green Pass è la Scozia.

LEGGI ANCHE: Anne Hidalgo, sindaca di Parigi: «Ho deciso di candidarmi alla presidenza della Repubblica francese»

Intanto il Regno Unito ha raggiunto l’80% della popolazione vaccinata. “Resta da accelerare la campagna fra 16enni e 17enni, gli ultimi a essere coinvolti in ordine di tempo, dove finora si è giunti al 55-60%” ha aggiunto Javid.