Alfa Romeo produrrà le proprie automobili solo su richiesta

Dal 2023 Alfa Romeo passerà per l’80% alla produzione “built to order”. Lo annuncia il ceo della casa automobilistica.

La casa automobilista Alfa Romeo studia nuove strategie contro la crisi del settore, per questo l’azienda ha deciso che dal 2023 produrrà le sue automobili solo su richiesta dei acquirenti, così da abbattere i costi. Così come annunciato dal il ceo Jean-Philippe Imparato, nel corso di un incontro con i concessionari italiani. Questa strategia aziendale, precisa Imparato, serve a limitare la produzione di auto che poi finiscono negli autosaloni o vendute applicando degli sconti eccessivi, limitando così lo stock dei mezzi.

LEGGI ANCHE: Assoviaggi: “Prolungare i ristori per evitare chiusure e licenziamenti”

Il nuovo modello — ha detto il ceo di Alfa Romeo — sarà ‘built to order’ per almeno l’80%: produrremo le auto solo se abbiamo il cliente finale. A inizio 2021 eravamo al 38%, passeremo all’80% nel 2023. Questo consentirà una migliore gestione dei costi a noi e ai concessionari per evitare sprechi. Non dobbiamo produrre auto che non hanno clienti perché gli stock sono un cancro, nessuna macchina deve restare più di 90 giorni nei parcheggi. La sfida è di fare un controllo molto preciso della produzione“.

LEGGI ANCHE: Partite Iva, si va verso il rinnovo del regime forfettario fino a 65mila euro

Imparato ha poi precisato che questo nuovo modello organizzativo non avrà effetti sugli stabilimenti e sull’occupazione e la logistica a seconda della destinazione geografica. Sarà così ad esempio possibile produrre prima auto destinate a Usa e in Giappone poiché sono paesi che hanno tempi di logistica più lunghi.