Milano, ecco la nuova giunta di Beppe Sala. Metà sono donne

Il sindaco di Milano, appena rieletto, ha presentato la squadra che lo accompagnerà nei prossimi cinque anni. Spazio alle donne

Non perde troppo tempo Beppe Sala, rieletto lunedì al primo turno come Sindaco di Milano, e presenta la nuova giunta di Palazzo Marino formata da 12 assessori, la metà di questi sono donne. Due i tecnici: Tommaso Sacchi, assessore alla Cultura, in arrivo dal Comune di Firenze, e Giancarlo Tancredi, dirigente del Comune di Milano, assessore alla Rigenerazione Urbana.

Largo spazio al Partito Democratico con sei rappresentanti: Anna Scavuzzo, vice-sindaca e assessora all’Istruzione e ai rapporti con il Consiglio comunale; Pierfrancesco Maran, assessore alla Casa e allo sviluppo del piano quartieri; Lamberto Bertolè, assessore al Welfare e alla Salute; Marco Granelli alla Sicurezza; Arianna Censi alla Mobilità; e Gaia Romani, 25 anni, assessora ai Servizi civici.

LEGGI ANCHE: Assunzioni per raccogliere consensi a Roma prima delle elezioni, gravi accuse contro l’ex assessore Coia (M5S)

Spazio poi ai Riformisti con Alessia Cappello, assessora al Lavoro e allo sviluppo economico, e ai Verdi con Elena Grandi, assessora al Verde e all’ambiente. Infine due civici: Emmanuel Conte, assessore al Bilancio, e Martina Riva, assessora allo Sport, turismo e politiche giovanili.

LEGGI ANCHE: La Meloni parla già da leader del centrodestra, cosa farà Salvini adesso “che sono sbarcati gli alieni”?

E’ una giunta equilibrata, io sono contento – commenta Sala -. E’ ovvio che ci sono discussioni con i partiti ma se si arriva a decidere in cinque giorni parliamo di questioni gestibili. Credo di essere riuscito nell’intento di cambiare perché fare l’assessore è un lavoro faticoso e quindi è importante tirare fuori forze fresche, abbiamo solo tre assessori della giunta precedente“.  Per il suo secondo mandato Sala ha deciso di confermare il suo direttore generale, Christian Malangone, e il capo di Gabinetto, Marino Vanni.