Alitalia chiude dopo 75 anni, oggi il suo ultimo volo in cielo

Giunge al suo termine la storia della compagnia di bandiera italiana Alitalia, con un ultimo volo a distanza di oltre mezzo secolo dalla sua fondazione. Al suo posto arriva Ita, con un piano di sviluppo quinquennale che promette di raddoppiare le assunzioni entro il 2025 

Getty Images

Si chiude nella giornata di oggi 14 Ottobre la storia della compagnia di bandiera Alitalia, che vedrà partire il suo ultimo volo in cielo prima della dismissione. Una fine triste, per quella che doveva diventare il fiore all’occhiello dello stato italiano sul trasporto aereo, e ha finito invece per collezionare un fallimento dietro l’altro. Negli ultimi anni Alitalia si è barcamenata in una crisi senza fine, che ha costretto il governo a mettere nelle sue casse più di 13 miliardi per evitarne il fallimento. Il dato più preoccupante in tal senso, è che metà di questa cifra è stata iniettata negli ultimi sette anni, i più complicati. E alla fine, la sua chiusura non può che essere vista come un sollievo, visto l’alto costo che i contribuenti hanno dovuto sostenere in questi anni per ripagarne i debiti. 

Chiude Alitalia, ma al suo posto da domani arriva la nuova compagnia aerea Ita

Getty Images

Da domani diventerà invece operativa Ita, che verrà presentata con un evento online in cui saranno presenti i principali vertici della compagnia aerea. Per il momento, Ita parte con una flotta di di cinquantadue aerei, e a partire dal prossimo anno, verranno inoltre implementati degli aeromobili di nuova generazione che in pochi anni dovrebbe sostituire per intero i veicoli di nuova generazione. L’obiettivo dichiarato di Ita, è chiudere il 2025 con una dotazione complessiva di centocinque aerei. Il numero di dipendenti assunto da Ita per dare inizio a questa nuova avventura, è di circa 2,750 persone. 

Leggi anche: “Ita avrà 90% dipendenti Alitalia e fallirà”, le previsioni di O’Leary (ad Ryanair)

Leggi anche: Manifestanti Alitalia bloccano l’autostrada: centinaia di persone in corteo

Nel piano di sviluppo, è però previsto di aumentare gradualmente il personale fino a raggiungere i cinquemila dipendenti entro il 2025. Per il momento, Ita metterà a disposizione dei consumatori quarantacinque destinazioni con 61 rotte, un numero che dovrebbe gradualmente salire nei prossimi cinque anni fino a coprire settantaquattro destinazioni con 89 rotte diverse. Per quanto riguarda invece il territorio nazionale, Ita dichiara di poter garantire una copertura molto alta, con la sua presenza fissa in 21 aeroporti del paese.