Criminalità e criptovalute, nel 2021 raddoppiano le transazioni illegali

Ascolta l'audio-articolo

Lo studio di Chainalysis ha mostrato ancora una volta il legame tra criminalità e criptovalute. Nel 2021 raddoppiano le transazioni illegali, oltre 14 miliardi.

Criminalità e criptovalute, nel 2021 raddoppiano le transazioni illegali 07.01.22 1280p - meteoweek.com

Nel 2020 sono passati per i conti di attività criminali oltre 7.8 miliardi di dollari ma il 2021 ha infranto di molto il record. Lo scorso anno, infatti, la società di analisi Chainalysis ha rilevato che oltre 14 miliardi di dollari. Le cifre sono aumentate del 79% rispetto all’anno precedente, guidate da un picco di furti e truffe.

La truffa è, infatti, il più rilavante di crimine legato alle criptovalute nel 2021, seguita dal furto. Va precisato che la maggior parte di questi crimini si è attuato attraverso l’hacking delle imprese di criptovaluta. Chainalysis afferma che la finanza decentralizzata (DeFi) è una grande parte della storia per entrambi i crimini.

“DeFi è una delle aree più eccitanti del più ampio ecosistema delle criptovalute, presenta enormi opportunità sia per imprenditori che per gli utenti di criptovalute”. “Ma è improbabile che DeFi realizzi il suo pieno potenziale se la stessa decentralizzazione che la rende così dinamica permette anche truffe e furti diffusi“.

Il selvaggio west della DeFi

Il selvaggio west del DeFi 07.01.22 740p - meteoweek.com

La DeFi è un settore in rapida crescita del mercato delle criptovalute che mira a tagliare fuori gli intermediari (es. banche) dalle tradizionali transazioni finanziarie.  Con la DeFi, le banche e gli avvocati sono sostituiti da un pezzo di codice programmabile chiamato contratto intelligente. Questo contratto è scritto su una blockchain pubblica, come ethereum o solana. Viene data esecuzione al contratto solo quando certe condizioni sono soddisfatte, negando la necessità di un intermediario centrale.

Il volume delle transazioni DeFi è cresciuto del 912% nel 2021, secondo le statistiche di Chainalysis. Tuttavia, ci sono molte bandiere rosse quando si tratta di trattare in questo nascente ecosistema crypto. Un problema con DeFi, secondo Kim Grauer, capo della ricerca di Chainalysis, è che molti dei nuovi protocolli che vengono lanciati hanno vulnerabilità di codice.  Gli hacker sono quindi spesso in grado di sfruttare le falle per commettere furti e truffe. Il 21% di tutti gli hack nel 2021 ha approfittato di questi exploit di codice.

Grauer afferma che ci sono aziende di terze parti che eseguono verifiche del codice e individuano pubblicamente quali protocolli sono sicuri. Molti utenti, però, continuano a scegliere di lavorare con piattaforme rischiose che bypassano questo passaggio. I furti di criptovalute sono aumentati del 516% dal 2020, per un valore di 3,2 miliardi di dollari di criptovalute. Di questo totale, il 72% dei fondi rubati provengono dai protocolli DeFi.

I proventi delle truffe sono saliti dell’82% a 7,8 miliardi di dollari di criptovalute. Più di 2,8 miliardi di dollari di questo totale provengono da un tipo relativamente nuovo ma molto popolare di schema noto come “rug pull”. Nel “rug pull” gli sviluppatori costruiscono quelli che sembrano essere progetti legittimi di criptovaluta, prima di prendere i soldi degli investitori e scomparire.

Criminalità e criptovalute, le statistiche non dicono tutto

La criminalità legata alle criptovalute appare senza dubbio essere ai massimi storici. I ricercatori, tuttavia, notano che la crescita dell’uso legittimo delle criptovalute supera di gran lunga la crescita dell’uso criminale. Le transazioni che coinvolgono indirizzi illeciti hanno rappresentato un minimo storico di appena lo 0,15% dei 15,8 trilioni di dollari del volume totale degli scambi.

Leggi anche: Vince 135 milioni al Superenalotto, ma poi scopre l’errore

La società di ricerca identifica i fondi illeciti in base alla loro connessione ad attività illecite confermate. Ad esempio, i fondi sono considerati illeciti se sono inviati a o da un mercato darknet, o sono noti per essere stati rubati in un hack. “Il crimine sta diventando una parte sempre più piccola dell’ecosistema delle criptovalute“, ha continuato il rapporto. I ricercatori accreditano in parte la crescita frenata del crimine basato sulle criptovalute all’evoluzione del toolkit delle forze dell’ordine. Anche la trasparenza intrinseca delle tecnologie blockchain sembra disincentivare le attività illecite.

Leggi anche: I funerali del piccolo Daniele, ucciso dal padre: in centinaia per l’ultimo saluto

A differenza del contante e di altre forme tradizionali di trasferimento di valore, ogni transazione è registrata in un libro mastro pubblicamente visibile. “Le autorità hanno avuto un enorme successo nello sfruttare la trasparenza delle blockchain per indagare e chiudere le attività illecite”, ha detto Grauer. A novembre, per esempio, l’agenzia IRS Criminal Investigation ha dichiarato di aver sequestrato più di 3,5 miliardi di dollari di criptovalute nel 2021. Questa cifra rappresenta il 93% di tutti i fondi sequestrati dalla divisione in quel periodo di tempo.