Pillon critica la partecipazione di Drusilla Foer a Sanremo 2022

Ascolta l'audio-articolo

“Sanremo sempre più LGBT. Non si potrebbe chiamare sul palco un papà?”, pioggia di commenti sulle frasi del senatore leghista

Non è piaciuta al senatore della Lega Simone Pillon l’annuncio della partecipazione di Drusilla Foer al prossimo Festival di Sanremo in qualità di co-presentatrice. La Foer, alter ego dell’attore, sceneggiatore e cantante Gianluca Gori divenuta famosa grazie ai social dove vanta un seguito di oltre 165mila fan, sarà una della cinque donne che si alterneranno sul palco per affiancare Amadeus.

Com’era ampiamente prevedibile, al festival di #Sanremo sempre più LGBT è stata assegnata la quota gender-inclusive già nella fase di scelta dei conduttori” scrive il senatore leghista sul suo profilo Facebook . “Una domanda: ma sempre in rispetto delle quote, non si potrebbe avere tra i co-presentatori un normale papà (uno eh, non due), e magari di ispirazione conservatrice? Sarebbe un bel segnale, se non altro a tutela delle specie a rischio estinzione televisiva“.

LEGGI ANCHE: L’ultimo saluto a David Sassoli, Draghi e Mattarella alla camera ardente

La sua affermazione ha ricevuto diversi consensi ma anche scatenato critiche da parte degli utenti e della comunità LGBT, come del resto fanno sempre le dichiarazioni di Pillon. Tra questi anche l’influencer Vincenzo Maisto, attivista LGBT noto per la pagina Il Signor Distruggere, il quale scrive sotto il post: “Essere, Amadeus è il presentatore principale è sposato con una donna e ha due figli” aggiungendo “avrà capito che Essere era riferito a lui? Io ho i miei dubbi“.

LEGGI ANCHE: Bandiera nazista sulla bara: parla il fratello della defunta

Secca la risposta di Pillon: “lo so, ma non mi risulta particolarmente conservatore. P.s. Impara il rispetto per chi non la pensa come te“. Di seguito Mastio replica con un lungo commento: “Se è per questo di matrimoni e relazioni ne ha collezionati di più Salvini rispetto ad Amadeus. Sia coerente e cambi partito, anche se in effetti tra Berlusconi con le sue cene e Meloni con la figlia fuori dal matrimonio, trovare qualcuno di conservatore è ardua. Addirittura il leader del popolo della famiglia non mi pare sia tutta ‘sta purezza, sempre che sia conservatore sposarsi a Las Vegas. Per quanto riguarda il rispetto, cosa sarebbe stato “irrispettoso”? “Essere”? È un essere umano, lo sono anch’io. Tutto quello che ha immagino dopo “essere” è un problemino tutto suo“.