Mamma e figlia ritrovate morte nella loro casa

Ascolta l'audio-articolo

Dramma della solitudine a Chioggia (Venezia). I vicini non le vedevano da diversi giorni e hanno dato l’allerta

Polizia-Meteoweek.com

Due donne, madre e figlia, sono state ritrovate senza vita in un’abitazione a Chioggia (Venezia), in via Saloni, 41, ieri, giovedì 13 gennaio. La madre, Nadia Vianello, aveva 80 anni mentre sua figlia, Barbara Voltolina, 51. I condomini non le vedevano da diversi giorni e così, dopo aver bussato alla loro porta e non avendo ricevuto risposta e aver fatto caso alle luci sempre spente, hanno contattato la polizia.

Come riporta Il Corriere del Veneto, la polizia le ha poi trovate senza vita nella loro casa. Sul posto anche i vigili del fuoco e la scientifica, per ricostruire quanto occorso e portare a termine tutti i rilievi del caso. Si attende, tuttavia, l’esito dell’autopsia per far luce sul dramma. La figlia dell’anziana è stata ritrovata riversa a terra nel corridoio, con una ferita in testa e tracce di vomito, il che potrebbe far pensare a un malore improvviso o una caduta rivelatasi letale. L’80enne era invece nella sua stanza, distesa, e pare che sia stata diverso tempo a letto, il che fa ipotizzare che non sia riuscita a prestare soccorso alla figlia e che possa essere deceduta di stenti, intrappolata in casa.

Leggi anche:—>Tassista sferra calci e pugni contro una ragazza:«Mi ha colpito con tutta la forza che aveva» [VIDEO]

«L’ultima volta che ho visto Barbara era il 3 dicembre, usciva alle sette di sera, come sempre. Poi nessuno l’ha più incrociata e abbiamo iniziato a preoccuparci», è il racconto di Cristina, che vive qualche piano più in su e che racconta di come già in passato i condomini avessero provato ad aiutare le due donne contattando i servizi sociali. La donna prosegue:«Abbiamo visto che la luce, visibile dalla strada, non si accendeva più. Abbiamo provato a bussare, abbiamo anche lasciato un biglietto con un numero da chiamare se avessero avuto bisogno di qualcosa».

Qualche anno fa nella loro casa c’era stato un altro lutto. La figlia più giovane, Stefania, aveva perso la vita. «Non abbiamo capito bene cosa fosse successo, era il periodo di Natale, abbiamo visto l’ambulanza e poi abbiamo saputo. Dicevano che aveva preso una pastiglia che le aveva fatto male».

Leggi anche:—>Bimba di tre anni muore dopo essere precipitata dal balcone

A quanto pare né Barbara né Stefania lavoravano da anni e le tre sopravvivevano con la pensione della madre. La madre soffriva di un problema alla gamba, forse mai guarito completamente, che l’aveva costretta a letto e anche negli ultimi tempi, da quanto avrebbero raccontato i condomini, la croce verde veniva a prenderla per le visite mediche. Questo renderebbe più probabile l’ipotesi che l’anziana non abbia potuto chiamare i soccorsi dopo la caduta di sua figlia. Ma sarà la polizia a chiarire l’accaduto.