Sileri svolta su Green pass e vaccini: vanno rimodulati

Ascolta l'audio-articolo

Il sottosegretario alla Salute apre a una modifica del Green Pass, ma bisognerà aspettare qualche settimana.

Intervistato dal Fatto Quotidiano, il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ha aperto a una modifica delle regole sul certificato verde, in rapporto all’attuale situazione della pandemia di Coronavirus. “Era atteso il calo a fine gennaio, aspetterei qualche settimana e rimodulerei il Green pass in coincidenza con la fine dello stato d’emergenza il 31 marzo. Non dico di farlo scomparire. Come si deciderà più avanti. Bisogna rimodularlo e allungarlo per chi ha fatto la terza dose e per i guariti, ma su base scientifica. Quando, ce lo dirà il virus”, ha dichiarato Sileri.

Rendere la vta difficile ai no-vax? Sileri si spiega

La coppia di Sassari che ha perso il bambino perché la donna è stata respinta dall’ospedale in quanto sprovvista di tampone molecolare – Meteoweek

“Rimodulerei anche, salvo che emerga una variante più cattiva, i richiami in funzione delle fasce d’età con più rischi, ma solo quando nelle terapie intensive saremo a un livello molto più basso di pazienti Covid. Spero in primavera. Prima ridurrei l’isolamento per i positivi asintomatici. Ottimo sperimentare l’autotest per i trivaccinati come fa l’Emilia-Romagna” ha aggiunto.

LEGGI ANCHE -> Giovanni muore a 40 anni, fulminato da una scarica elettrica

Quanto alla frase sul ‘rendere difficile la vita ai non vaccinati’, Sileri specifica che era riferita ai “no vax, ai complottisti a quelli dei microchip e delle vignette sui lager, non a chi non si vaccina perché ha dei dubbi o ha paura e magari aspetta ascoltando questi santoni, si prende il virus e rischia di morire”. Il sottosegretario commenta anche  i casi di pazienti respinti dagli ospedali perché senza Green pass e parla di “eccessi inaccettabili, come per la donna incinta che non aveva il tampone, non è entrata in ospedale e ha perso il bambino. L’alleggerimento del green pass sarà necessario anche per evitare che la burocrazia soffochi l’esigenza clinica. Ad esempio, colui che ha avuto il virus, ha fatto due dosi e si è ripreso il virus, dovrà essere svincolato dalla tempistica dei richiami, dobbiamo andare verso una vaccinazione personalizzata in base alle indicazioni scientifiche. Dovremo poter dire a chi ha un elevato titolo anticorpale che è già immune e lo rivedremo tra sei mesi”.

LEGGI ANCHE -> Le campane fanno troppo rumore: multa di 2mila euro al parroco

Sileri mette l’accento sulla necessità di una maggiore trasparenza sui dati della mortalità. “Da noi il conteggio avviene in base alla scheda Istat in cui anche il Covid viene inserito, bisognerebbe chiarire se è primum movens o concausa di morte. A ogni modo, da noi come in altri Paesi, c’è un eccesso di mortalità superiore ai dati ufficiali Covid, specie durante la prima e la seconda ondata. Abbiamo un 17% di morti fuori dagli ospedali, probabilmente molti nelle Rsa sopra i 90 anni o negli hospice con patologie neoplastiche non più guaribili: non sempre il Covid ha determinato l’evento. Servono dati completi anche per non prestare il fianco alle teorie complottiste” conclude.