Ecco l’ospedale pubblico per curare e ricoverare cani e gatti

Ascolta l'audio-articolo

È il primo ospedale comunale di Roma e verrà realizzato alla Muratella, in via della Magliana, nel canile che ospita animali abbandonati 

Primo ospedale cani e gatti-meteoweek.com

Nasce a Roma il primo ospedale pubblico per cani e gatti e verrà realizzato alla Muratella, in via della Magliana, all’interno del canile romano che ospita animali abbandonati e spesso bisognosi di cure per medicarli e renderli pronti per l’adozione. Sabrina Alfonsi, assessora all’Ambiente del comune di Roma, spiega che «al momento nelle strutture comunali abbiamo 800 cani e 500 gatti. Sono curati dai volontari veterinari dei centri in collaborazione con la Asl Roma 3, ma le cure sono del tutto insufficienti».

Il piano dell’ospedale sarà terminato entro la fine dell’estate con un finanziamento pari a 150mila euro e i lavori cominceranno nel 2023. «Inizialmente, sarà dedicato agli animali ricoverati nelle strutture comunali ma la prospettiva è quella di allargare l’accoglienza anche a quelli dei residenti», prosegue Alfonsi.

veterinario, cane, gatto-meteoweek.com

Intanto, il consigliere Simone Lupi (Pd) ha già inoltrato una mozione per la realizzazione in ogni provincia, di un ospedale pubblico veterinario. Claudio Curatolo, responsabile delle Guardie Zoofile dell’Oipa plaude all’iniziativa:«Ben venga il progetto che aiuterà molti animali abbandonati».

Leggi anche:—>Forte esplosione in un’abitazione: muoiono fratello e sorella di 8 e 7 anni

La richiesta è la seguente: «Ci vorrebbe un pronto soccorso h24». Questo perché le cliniche private «hanno prezzi astronomici che non tutti si possono permettere e molti animali non vengono curati».

Leggi anche:—>L’alpinista Corrado “Korra” Pesce colpito da una valanga in Patagonia: è grave e fermo sul Cerro Torre

Migliaia i veterinari romani che sono disposti a visitare gli animali il cui prezzo si aggira da 80 a 100 euro (esclusi farmaci), ma lavorano quasi tutti fino a massimo venerdì. Solo cinque cliniche restano aperte con pronto soccorso anche nel fine settimana. Una donna che risiede ai Paroli riferisce:«Ho pagato 3.000 euro per 40 giorni di ricovero del San Bernardo colpito da setticemia. Aveva preso un forasacco al parco che gli ha perforato la milza».