Banca Centrale russa tenta di trasferire tesoretto da 630 miliardi di dollari in paradisi fiscali: fermata da Usa

Ascolta l'audio-articolo

Secondo gli statunitensi, da quando hanno annunciato multe, i russi hanno cercato di trasferire diversi miliardi 

Banca Centrale russa-meteoweek.com

Gli Usa hanno impedito con effetto immediato qualsiasi transazione con la Banca Centrale russa. È quanto comunicano le autorità degli Stati Uniti, che affermano che la banca di Mosca stava cercando di trasferire fondi nei paradisi fiscali. Si parla infatti, di un tesoretto da circa 630 miliardi di dollari, che avrebbe dovuto assicurare il finanziamento delle operazioni militari della Russia in Ucraina per molti mesi.

Leggi anche:—>Marinaio ucraino affonda yacht di miliardario russo:«L’ho fatto perché era un produttore di armi»

Le autorità Usa hanno vietato a persone e aziende di fare business con la Banca Centrale russa, fondo sovrano russo e ministero Finanze della Russia.

Leggi anche:—>Camion distrugge cavalcavia: motociclista sbanda e muore per evitare la fila [VIDEO]

«Questa azione immobilizzerà efficacemente qualsiasi asset della Banca centrale russa detenuto negli Stati Uniti o da cittadini statunitensi, ovunque si trovi», comunicano le autorità americane.