Ucraina, Zelensky preme per entrare in Ue e firma richiesta di adesione: “Stiamo combattendo per Europa intera”

Ascolta l'audio-articolo

Ucraina, il presidente Zelensky preme per entrare in Ue e firma la richiesta di adesione al blocco: “Stiamo combattendo per l’Europa intera”. Dalla Commissione c’è apertura, ma la procedura non può essere immediata. 

Volodymyr Zelensky, ha firmato la richiesta di adesione dell'Ucraina all'Unione europea - meteoweek 20220228
Volodymyr Zelensky ha firmato la richiesta di adesione dell’Ucraina all’Unione europea – meteoweek.com

Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha firmato la richiesta di adesione dell’Ucraina all’Unione europea. Una notizia arrivata oggi, ma di cui si vociferava già da un giorno, soprattutto dopo la residente della Commissione, Ursula von der Leyen, aveva evidenziato come potesse trattarsi sì, di una prospettiva aperta nel tempo, ma non immediata. Ad ogni modo, proprio nel giorno in cui è stato avviato un primo negoziato fra Ucraina e Russia, atto a trovare una soluzione politica alternativa alla guerra, il presidente Zelensky ha pubblicato le foto che lo ritraggono mentre firma la domanda dell’UE. Una mossa, questa, in gran parte simbolica, e che potrebbe effettivamente richiedere anni prima di diventare realtà. Ma si tratta anche di una mossa che non è stata certo gradita dal presidente russo Vladimir Putin, che ha a lungo accusato l’Occidente di cercare di trascinare l’Ucraina nella sua orbita di influenza.

 

“I nostri soldati stanno combattendo per l’intera Europa”

Già nelle scorse ore, il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, aveva esortato l’Unione europea a concedere al suo Paese l’adesione immediata al blocco, in risposta all’invasione della Russia. In un appassionato discorso volto a radunare gli ucraini per difendere la nazione e ad incoraggiare ulteriore sostegno internazionale, Zelensky aveva infatti ringraziato l’UE, i Paesi che hanno deciso di fornire armi all’Ucraina, e aveva affermato di aver già parlato con la presidente von der Leyen, così da esortarla a fare “passi ancora più forti” a sostegno del popolo ucraino.

LEGGI ANCHE: Scandalo al Circolo Ufficiali: burlesque e spogliarello. Rimosso il responsabile della struttura [VIDEO]

Ci appelliamo all’Unione Europea per l’adesione immediata dell’Ucraina secondo una nuova procedura speciale“, ha detto Zelensky in un video trasmesso dalla capitale Kiev. “Il nostro obiettivo è stare al fianco di tutti gli europei e, soprattutto, di stare al loro livello”. L’Unione europea è aperta all’idea che l’Ucraina si unisca al blocco “nel tempo”, ha spiegato la presidente della Commissione von der Leyen, nell’intervista di sabato a Euronews, sebbene non abbia fornito indicazioni sui tempi. L’Ucraina ha fatto il primo passo verso l’adesione all’Unione europea all’inizio del 2014, ma i progressi verso l’adesione sono stati lenti. La svolta di Kiev verso l’Unione Europea e l’Occidente ha rovinosamente infastidito il presidente russo Vladimir Putin, e ha contribuito ad alimentare un conflitto che coinvolge i separatisti sostenuti dalla Russia nell’Ucraina orientale.

LEGGI ANCHE:  Calcio, la Russia è fuori dai Mondiali 2022 e dalle coppe. FIFA e UEFA: “Calcio sia vettore di pace”

Il presidente Zelensky ha anche affermato che 4.500 soldati russi sono morti da quando il Paese ha invaso l’Ucraina giovedì scorso, sebbene l’affermazione non possa essere verificata in modo indipendente. Si contano, purtroppo, anche diversi bambini ucraini tra le vittime dei bombardamenti russi, ha spiegato ancora il primo ministro, con 16 morti e 45 feriti in totale. Ma Zelensky ha aggiunto anche che i combattimenti hanno mostrato la forza del popolo ucraino, che negli ultimi giorni ha subito tante carneficine quante altre nazioni hanno visto negli ultimi decenni. “Gli europei sono consapevoli che i nostri soldati stanno combattendo per il nostro Paese e, di conseguenza, per l’intera Europa“, ha spiegato Zelensky.