Russia e Cina: Pechino sapeva tutto, ma sta scegliendo l’ambiguità [VIDEO]

La Russia, sempre più isolata ad Occidente, si avvicina ulteriormente a Pechino. Gazprom sta per chiudere l’accordo per un nuovo gasdotto, mentre emerge sempre più chiaramente il fatto che la Cina fosse a conoscenza delle intenzioni di Putin.

Russia e Cina
Russia e Cina

Gazprom – il colosso del gas russo – ha stretto un accordo con la Cina per una fornitura che potrebbe arrivare fino a 50 miliardi di metri cubi di gas naturale. L’azienda ha infatti firmato un contratto per progettare il gasdotto Soyuz Vostok che, attraverso la Mongolia, arriverà a fornire il paese asiatico. Si tratta di un passo decisivo verso l’avvio di una collaborazione energetica molto più intensa di quella già in atto tra i due paesi, stipulata nel 2014 e attiva dal 2019.

LEGGI ANCHE: Sergei Shoigu, l’uomo chiave di Putin nella costruzione dell’esercito russo

Ma il livello dell’intesa, oltre che sul piano energetico ed economico, ha un grande valore soprattutto su quello politico. E’ evidente come la Russia, isolata diplomaticamente dopo la decisione di invadere l’Ucraina, abbia disperatamente bisogno di alleati. O meglio, di un alleato, molto forte a livello economico e militare: la Cina. La quale, sembra ormai quasi certo, era informata da tempo della decisione di Vladimir Putin di invadere l’Ucraina.

Le ambiguità della Cina

Pechino infatti, nelle scorse settimane, ha stupito i mercati con una scelta che allora appariva insolita: invece di rilasciare le proprie riserve di petrolio (operazione che avrebbe dovuto avvenire a partire da novembre con l’obbiettivo di abbassare i prezzi del greggio, sulla base di una intesa con gli Stati Uniti), ha iniziato invece ad incrementarle. Rimettendoci anche, visto che il prezzo del petrolio al barile è arrivato a sfiorare i 100 dollari. Una decisione che oggi, a fronte dell’operazione militare russa, appare invece sensata.

LEGGI ANCHE: Che cos’è lo Swift e perché l’Occidente minaccia Putin di estromettere la Russia

Logico dunque immaginare che la Cina sapesse: anche perchè, al momento  , è l’unico alleato possibile della Russia di Putin, che è stato messo letteralmente al bando dalla comunità internazionale. Ma la Cina vuole, può, ha interesse ad essere il partner privilegiato nonchè l’alleato strategico della Russia? Si e no: di certo, nell’ambito di un mondo ormai multipolare  nel quale non esiste più una potenza egemone, costituire un “polo euroasiatico” con la Russia può rappresentare un elemento di forza. D’altro canto la Cina è una protagonista dei mercati internazionali al livello più alto: e tra i suoi “partner” di riferimento, una buona ed importante parte si trovano in Occidente, Europa e – nonostante le tensioni – Stati Uniti. Il fatto che Pechino abbia scelto di astenersi ( e non di opporsi, come ha fatto la Russia) al voto sulla risoluzione in Consiglio di Sicurezza dell’Onu sull’invasione dell’Ucraina, è un altro elemento che dice molto. Ad oggi la Cina sta scegliendo una posizione di ambiguità: per quanto tempo le sarà possibile?