Auto sulla folla in Belgio, al volante due cugini di origini italiane

Ascolta l'audio-articolo

Ulteriori dettagli sono emersi sulla strage avvenuta in Belgio lo scorso 20 Marzo. Alla guida dell’auto che ha ucciso 7 persone e ferite 27, vi erano due cugini originari di un paesino in provincia di Agrigento. 

Alla guida dell’auto che «viaggiava a velocità sostenuta» come dichiarato dal Sindaco di Strepy-Bracquegnies (La Louvière), Jacques Gobert, provocando la morte di 7 persone, vi erano due cugini originari di un paesino in Sicilia.

Chi era alla guida dell’auto

Si chiama Paolo Falzone, il ragazzo alla guida della BMW piombata sulla folla in occasione della festa di Carnevale tenutati nel piccolo paesino in provincia di La Louvière. Insieme a lui, in auto, c’era anche suo cugino, Nino Falzone. Entrambi sono originari di Comitini, in provincia di Agrigento. Le Forze dell’Ordine hanno arrestato entrambi e, intanto, si attendono i risultati degli esami tossicologici a cui è stato sottoposto il conducente dell’auto.

La notizia è giunta anche a Comitini e in Paese tutti ricordano la famiglia Falzone e i due ragazzi, decritti come «figli di persone perbene». A parlare è il Primo Cittadino Nino Cortino: «Conosco molto bene i genitori di questi ragazzi. Sono persone straordinarie, alla mano, molto umili e che nel corso della loro vita hanno sempre fatto tanti sacrifici». Poi il trasferimento in Belgio per motivi di lavoro. «Non conosco personalmente Pietro e Nino Falzone. – continua il Sindaco – Non so cosa avessero per la testa in quel momento». Intanto, ad Aragona, paese gemellato con La Louvière, e Volturara Irpina è stato dichiarato lutto cittadino. Proseguono anche le indagini per stabilire la dinamica dell’incidente.

Le vittime della strage

Tra le vittime della terribile tragedia vi sono anche tre italiani originari di Volturara Irpina, in provincia di Avellino. Salvatore e Michelina Imperiale, fratello e sorella, si erano trasferiti in Belgio da tempo e lavoravano rispettivamente come magazziniere e come impiegata. La terza vittima è il marito di Michelina Imperiale, Mario Cascarano.