La Turchia è l’unico paese Nato a mediare tra Russia e Ucraina [VIDEO]

Ascolta l'audio-articolo

La Turchia è l’unico Paese della Nato che sta mediando i rapporti tra Russia e Ucraina per raggiungere un accordo. D’altronde il presidente turco Erdogan ha sempre sostenuto di non avere intenzione di rinunciare né alla Russia, né all’Ucraina, a causa di questo conflitto e che quindi continuerà a impegnarsi per raggiungere il cessate il fuoco.

La neutralità della Turchia nel conflitto tra Russia e Ucraina, e il fatto che il Paese di Erdogan non abbia applicato sanzioni contro l’azione militare di Putin sta contribuendo a favorire il dialogo tra i due leader.

turchia russia ucraina 20220321 meteoweek.com
La Turchia è l’unico paese Nato a mediare tra Russia e Ucraina [VIDEO] – www.meteoweek.com
Dall’inizio della crisi il presidente turco ha sostenuto di voler mediare e ha affermato più volte di non avere intenzione di rinunciare né alla Russia né all’Ucraina, essendo entrambi Paesi con cui la Turchia intrattiene ottimi rapporti diplomatici. Tant’è che 11 giorni fa il ministro degli Esteri turco ha partecipato a un tavolo nel sud della Turchia a cui erano seduti anche il collega russo e quello ucraino. Poi, la settimana scorsa, li ha incontrati di nuovo, individualmente e nei loro rispettivi paesi. Giovedì scorso Erdogan ha avuto un colloquio con Putin, in cui il presidente russo gli ha esposto le condizioni per cessare il fuoco contro il paese di Zelensky.

Le condizioni di Putin

Putin pretende che l’Ucraina accetti la neutralità e non presenti domanda di adesione alla Nato, che sia sottoposta a un processo di disarmo, che riconosca la lingua russa, e infine che il paese venga “de-nazificato”. Queste prime richieste, secondo il portavoce di Erdogan, potrebbero essere accettate da Zelensky. Maggiori criticità riguardo la mediazione della Turchia sarebbero rappresentate dal secondo pacchetto di richieste.

Ancora non si conoscono i dettagli, ma fanno riferimento allo status dell’intero Donbass e al riconoscimento del passaggio alla Russia della Crimea, avvenuto con un referendum mai riconosciuto dalla stessa Turchia. Incidenti diplomatici a parte, al momento Erdogan sembra essere l’unico capo di stato all’interno della Nato a vantare un filo diretto con il presidente russo. E quindi l’unica speranza di far raggiungere un accordo tra Russia e Ucraina e mettere la parola fine a questa guerra.