L’uomo più ricco dell’Ucraina promette di ricostruire Mariupol: “Per me sarà sempre una città ucraina”

Ascolta l'audio-articolo

L’uomo più ricco dell’Ucraina, il magnate della compagnia mineraria e siderurgica Rinat Akhmetov, promette di ricostruire Mariupol: “Per me sarà sempre una città ucraina”. 

Rinat Akhmetov l'uomo più ricco dell'Ucraina promette di ricostruire Mariupol - meteoweek 20220416
Rinat Akhmetov, l’uomo più ricco dell’Ucraina, promette di ricostruire Mariupol – meteoweek.com

Il miliardario più ricco dell’Ucraina, Rinat Akhmetov, ha promesso in un’intervista rilasciata oggi da Reuters di aiutare a ricostruire la città assediata di Mariupol (dove ha sede la sua compagnia mineraria e siderurgica) e di ristabilire il Paese facendolo diventare un concorrente globale dopo la “vittoria dell’Ucraina in questa guerra”. Secondo quanto stimato da Forbes, il patrimonio netto del magnate ha raggiunto nel 2013 i 15,4 miliardi di dollari – mentre ora sarebbe intorno ai 3,9 miliardi di dollari.

“Per me Mariupol è e sarà sempre una città ucraina”

Parole forti, quelle rilasciate dal magnate ucraino dell’acciaio e del carbone Rinat Akhmetov. L’uomo più ricco dell’Ucraina si è impegnato ad aiutare a ricostruire la città assediata di Mariupol, un luogo che porta nel cuore e – soprattutto – dove sono situate due delle sue vaste acciaierie. Nell’ultimo incontro con i media, l’uomo ha promesso che un giorno tornerà a Mariupol per attuare nuovi piani di produzione “in modo che l’acciaio prodotto da Mariupol possa tornare a competere sui mercati globali come prima” dello scoppio del conflitto.

Secondo Metinvest di Akhmetov, il più grande produttore di acciaio dell’Ucraina, più di un terzo della capacità di produzione di metallo del Paese è stata disabilitata a causa del bombardamento russo di Mariupol. Per questo l’azienda ha annunciato di non poter più rispettare i suoi contratti di fornitura. Come spiegato da Akhmetov stesso, la sua compagnia sia quotidianamente in contatto con i gestori delle due acciaierie di Mariupol, e avrebbe elogiato i coraggiosi soldati attualmente impegnati “a difendere la città”.

Con lo scoppio del conflitto russo-ucraino (ma ancor prima, con 8 anni di combattimenti nell’Ucraina orientale alle spalle) Akhmetov ha crollare il suo impero commerciale. “Per noi la guerra è scoppiata nel 2014, ma non perdiamo fiducia nei nostri soldati” ha spiegato il magnate ai media. “Abbiamo perso tutti i nostri beni sia in Crimea che nel territorio temporaneamente occupato del Donbas. Abbiamo perso le nostre attività, ma questa situazione ci ha resi sempre più forti. Confido che ricostruiremo tutti un’Ucraina libera, europea, democratica e di successo, dopo la nostra vittoria in questa guerra”, ha spiegato il miliardario a Retuers. E ha poi sottolineato: “Mariupol è una tragedia globale e un esempio globale di eroismo. Per me Mariupol è e sarà sempre una città ucraina“.

Ormai Mariupol, città portuale di circa 400.000 abitanti vicino al Mar d’Azov, è stata completamente devastata dai bombardamenti russi. Le forze del Cremlino hanno bombardato un teatro della città, dove si stavano rifugiando centinaia di civili, uccidendo almeno 300 persone, con l’accesso alle forniture umanitarie di base che è ormai ridotto all’osso. Il sindaco, Vadym Boychenko, ha raccontato all’Associated Press che più di 10.000 residenti sono morti a causa del conflitto, e prevede che il bilancio delle vittime possa addirittura raddoppiare.