Massacro al campeggio: 23enne uccide una famiglia

Un’intera famiglia distrutta, ad eccezione del bambino di 9 anni, unico superstite della follia omicida di un 23enne. Arrivano oggi i risultati delle autopsie sugli Schmidt: padre, madre e figlia di 6 anni uccisi in tenda.

Lo scorso 22 Luglio 2022 nel Maquoketa Caves State Park in Iowa, la famiglia Schmidt si trovava in campeggio. Qui sono stati vittima dell’assalto di un 23enne, che preso da un raptus omicida, ha ucciso tre membri della stessa famiglia, ovvero padre, madre e figlia di 6 anni. Solamente il quarto membro della famiglia, un bambino di nove anni, si è salvato. La tragedia, dunque, ha avuto luogo lo scorso mese parco nello Iowa, ma solamente oggi giungono i risultati delle autopsie sui corpi degli Schmidt.

strage campeggio-meteoweek.com

Il padre, Tyler Schmidt, un uomo di 42 anni, è deceduto per una ferita provocata da arma da fuoco e “lesioni multiple da corpo affilato“. La moglie e madre dei bambini, Sarah Schmidt, anche lei di 42 anni, è morta a causa di ferite multiple da arma da fuoco. La figlia di 6 anni, Lula Schmidt, è deceduta a causa di una ferita da arma da fuoco e per strangolamento. È quanto viene comunicato da Dipartimento di Pubblica Sicurezza dell’Iowa.

Il figlio di 9 anni, unico superstite del massacro messo in atto da un 23enne, non ha riportato lesioni. È ora da chiarire se si trovasse nella tenda con i genitori e la sorella, quando è avvenuto l’aggressione.

Per quanto riguarda l’assassino, il Dipartimento di Pubblica Sicurezza dell’Iowa lo ha identificato. Sarebbe Anthony Sherwin, 23 anni, di LaVista, Nebraska. Il ragazzo sarebbe auto-inferto una ferita da arma da fuoco per cui è poi deceduto nella prima mattinata del 22 luglio, dopo aver attaccato la famiglia Schmidt e aver messo in atto la strage.

Il ragazzo si trovava anch’egli con i genitori nel campeggio del Maquoketa Caves State Park. È stato ritrovato morto nella sua tenda e secondo gli investigatori avrebbe agito da solo. Da fonti di polizia emerge che sarebbero ormai noti agli investigatori i motivi che avrebbero scatenato la furia omicida del 23enne, ma che, al momento, non verranno divulgati.

Insomma una storia dal sapore tragico, quanto sconcertante quella della brutale fine della famiglia Schmidt. Un vero e proprio campeggio da incubo, durante il quale hanno perso la vita quattro persone: Tyler Schmidt, di 42 anni, Sarah Schmidt, di 42 anni, Lula Schmidt, di 6 anni, e il loro esecutore, Anthony Sherwin, 23 anni.