Ibrahimovic attacca ancora Lukaku: il derby di Milano è già infuocato, parole clamorose

Non è ormai un mistero che il rapporto tra Zlatan Ibrahimovic e Romelu Lukaku non sia dei migliori. L’attaccante svedese non ha perso l’occasione per rincarare la dose attaccando ancora il nuovo centravanti dell’Inter.

I due erano stati protagonisti di un furioso testa a testa nel derby di Coppa Italia nel 2021 e quest’anno si rincontreranno nuovamente in una sfida che promette già scintille.

Zlatan Ibrahimovic e Romelu Lukaku (credit: Sportal)
Zlatan Ibrahimovic e Romelu Lukaku (credit: Sportal)

La nuova stagione deve ancora iniziare ma già promette scintille. Il Milan dovrà cercare di confermarsi Campione d’Italia mentre l’Inter proverà a vendicarsi e riportare lo scudetto nella sponda nerazzurra del capoluogo lombardo. Entrambe proveranno a raggiungere quella seconda stella tanto inseguita, senza però dimenticare le altre pretendenti al titolo come la Juventus, il Napoli e la Roma.

Da una parte ci sarà Zlatan Ibrahimovic che nonostante i quasi 41 anni, i tanti acciacchi fisici e il quinto campionato italiano vinto non ha ancora intenzione di mollare. Dall’altra Romelu Lukaku che, dopo aver fallito nella sua esperienza al Chelsea, vuole riconquistare credibilità e amore dai tifosi nerazzurri a suon di gol. I due se l’erano promesse nel gennaio del 2021 quando durante la semifinale di Coppa Italia furono protagonisti di un furioso testa a testa che fece molto scalpore.

Poi l’attaccante belga scelse di tornare in Inghilterra e i due non ebbero più modo di regolare i conti. Adesso però sono pronti a incontrarsi nuovamente per dimostrare l’uno all’altro chi è il vero re di Milano. A pochi giorni dall’inizio del campionato Ibrahimovic non ha perso l’occasione per punzecchiare nuovamente Lukaku su un episodio del passato e riaccendere così la fiamma del derby.

Quella scommessa che proprio non è andata giù a Ibra: ecco cosa è successo

I due sono stati anche compagni di squadra nel 2017/18 al Manchester United prima che il belga esplodesse definitivamente diventando uno degli attaccanti più decisivi d’Europa. Nel suo libro autobiografico Ibrahimovic ha parlato del suo rivale raccontando di una scommessa che, secondo lui, avrebbe fatto crescere e migliorare molto lo stesso Lukaku. A differenza dello svedese che era già un campione affermato, il belga aveva ancora tanti difetti nel suo modo di giocare: uno su tutti il controllo di palla.

Ibrahimovic e Lukaku ai tempi del Manchester United (credit: Eurosport)
Ibrahimovic e Lukaku ai tempi del Manchester United (credit: Eurosport)

Ibrahimovic ha raccontato che, mentre stava facendo colazione insieme alla squadra, gli disse: “Ascolta, Romelu. Dammi 50 sterline per ogni tocco sbagliato che fai. Ok? Ti prometto che diventerai più forte. Dai, Rom, accetta! Fammi diventare un milionario! Si mise a ridere. Si considerava un giocatore di alto livello, ma ogni volta che cercava di fermare la palla, doveva poi corrergli dietro! Ero sicuro che avrei vinto questa scommessa, ma in questo modo ho consigliato a Lukaku di lavorare di più. L’ho aiutato”.

Il belga rifiutò la sfida e Zlatan se lo legò al dito: “In Inghilterra non mi ha sfidato e in Italia si è subito dichiarato il nuovo re di Milano. Deve imparare la legge della giungla. Per diventare il nuovo re, devi uccidere quello precedente”.