Funerali Elisabetta II, chi sono gli invitati? Presenti in 500, Russia non invitata

Funerali Elisabetta II, chi sono gli invitati? Si contano almeno 500 invitati, tra membri della famiglia reale, leader e rappresentati internazionali e membro dello staff. Alla Russia, però, non è stato recapitato l’invito. 

Si contano almeno 500 invitati ai funerali della regina Elisabetta II. La cerimonia si terrà a Londra il 19 settembre all’Abbazia di Westminster, e verrà trasmessa in televisione a un pubblico previsto di miliardi di persone in tutto il mondo.

Funerali Elisabetta II, chi sono gli invitati Presenti in 500, Russia non invitata - meteoweek.com
Funerali Elisabetta II, chi sono gli invitati Presenti in 500, Russia non invitata – meteoweek.com

Una cerimonia che rappresenta di certo un’enorme sfida logistica, diplomatica e di sicurezza, con prove previste anche nel cuore della notte. “Questo è il più grande evento internazionale che abbiamo ospitato negli ultimi decenni”, ha infatti spiegato una fonte di Whitehall ai media britannici. La fonte ha paragonato il compito logistico all’organizzazione di “centinaia di visite di stato” nel giro di pochi giorni. “Normalmente, potrebbero essercene solo due o tre all’anno”, ha infatti sottolineato.

Chi sono gli invitati ai funerali? I reali

Come riportato dal Telegraph, a presenziare all’importantissima cerimonia saranno 500 dignitari provenienti da tutto il mondo. Giungeranno a Londra per porgere i loro ultimi omaggi all’iconica monarca scomparsa la scorsa settimana, insieme ovviamente ai membri della famiglia reale.

E proprio a partire dalla famiglia reale, immancabili invitati saranno i quattro figli della defunta regina – re Carlo III, la principessa Anna, il principe Andrea e il principe Edoardo – e i rispettivi coniugi, ovvero Camilla, la regina consorte; Sophie, contessa di Wessex e Sir Tim Laurence. È prevista anche la partecipazione dell’ex moglie del duca di York, Sarah Ferguson.

Presenti saranno anche il principe William, il principe Harry, Peter Phillips, Zara Tindall, la principessa Beatrice, la principessa Eugenie, Lady Louise Windsor e James, il visconte Severn. Non mancheranno nemmeno i coniugi dei parenti stretti, tra cui Catherine, la principessa del Galles e Meghan, la duchessa del Sussex. Altri reali che dovrebbero partecipare alla cerimonia sono i cugini della regina Elisabetta II: il duca di Kent, il principe e la principessa Michael di Kent, la principessa Alexandra e il principe Richard, duca di Gloucester.

Anche i monarchi di tutto il mondo voleranno a Londra per rendere omaggio alla monarca. Il re di Spagna Felipe e la regina Letizia sono stati confermati come ospiti, mentre sono stati invitati l’ex re e la regina Juan Carlos e Sofía. Il re Guglielmo Alessandro e la regina Maxima dei Paesi Bassi, il re Harald V e la regina Sonja di Norvegia e il principe Alberto II e la principessa Charlene di Monaco hanno tutti confermato la loro presenza. Saranno presenti anche altri membri delle famiglie reali europee, tra cui Svezia, Danimarca, Belgio e Grecia.

I leader mondiali e le figure di spicco

Funerali Elisabetta II, chi sono gli invitati Presenti in 500, Russia non invitata - meteoweek.com
Funerali Elisabetta II, chi sono gli invitati? Presenti in 500, Russia non invitata – meteoweek.com

Saranno presenti il ​​primo ministro recentemente nominato, Liz Truss, così come il leader del partito laburista, Sir Keir Starmer. Sia il primo ministro scozzese, Nicola Sturgeon, sia il premier irlandese, Michael Martin, hanno anche confermato che si recheranno a Londra per il servizio.

Il presidente Joe Biden ha confermato la sua presenza con sua moglie, la First Lady Jill Biden. Tra i leader europei presenti il ​​presidente francese Emmanuel Macron, il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier, il presidente italiano Sergio Mattarella e il finlandese Sauli Niinisto. Saranno presenti anche la Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, e il Presidente del Consiglio Europeo, Charles Michel.

Altri leader mondiali che dovrebbero essere presenti anche il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern, così come i suoi omologhi australiani e canadesi Anthony Albanese e Justin Trudeau. Si unirà anche il governatore generale dell’Australia David Hurley, così come il presidente del Brasile Jair Bolsonaro. L’ufficio di Yoon Suk-Yeol ha confermato la presenza del presidente sudcoreano. Un rappresentante della Nord Corea potrebbe partecipare al funerale ma non si tratterà però di Kim Jong Un, leader del paese, dato che si reca raramente all’estero.

Anche L’imperatore giapponese Naruhito e l’imperatrice Masako si recheranno in Gran Bretagna per partecipare alla cerimonia, così come HH Amir Tamim bin Hamad al Thani, emiro del Qatar – almeno secondo le fonti del Telegraph – e il presidente israeliano. Dal canto suo, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha detto che parteciperà solo “se il programma lo consentirà”. Mentre pare che il governo cinese stia valutando l’idea di inviare una delegazione, sebbene non sia chiare parteciperà o meno pure il presidente Xi Jinping. A rendere omaggio alla monarca anche i quattro leader delle nazioni del Commonwealth del Pacifico, che si uniranno al Primo Ministro australiano.

Infine, molto probabilmente saranno presenti anche per rendere omaggio alla defunta regina anche membri del personale, come le sue dame di compagnia e i camerieri. Invitati ai funerali anche i detentori della Victoria Cross o della George Cross e le quasi 200 persone che hanno partecipato al Queen’s Birthday Honors nel giugno scorso.

Chi non parteciperà al funerale della regina?

A non ricevere l’invito sono i leader e i rappresentanti di Russia, Bielorussia e Myanmar. La Russia non è stata invitata a causa dell’invasione dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin, viene spiegato dalle fonti diplomatiche. Anche Venezuela e Siria non hanno ricevuto l’invito, dato che non scorrono buone relazioni diplomatiche con la Gran Bretagna, secondo quanto spiegato da The Telegraph. E ancora, nessun rappresentante dell’Afghanistan sarà invitato a causa dell’attuale situazione politica.