Spenta ogni speranza: ritrovato il corpo del piccolo Mattia Luconi

Il corpo del bambino era totalmente coperto dal fango e in avanzato stato di decomposizione. A confermarlo, la maglietta 

Era totalmente coperto dal fango il corpo del piccolo Mattia Luconi, 8 anni, scomparso lo scorso 15 settembre, in seguito al tragico alluvione avvenuto nelle Marche che ha provocato diversi morti.

Mattia Luconi-meteoweek.com

Dato che il corpo è avvolto dal fango, bisognerà eseguire il riconoscimento ufficiale tramite esame del Dna. Sono trascorsi 8 giorni in cui si è cercato il piccolo Mattia senza sosta, dopo il terribile alluvione che ha scioccato le Marche. I carabinieri hanno ritrovato la sua salma in una zona del Comune di Trecastelli, completamente coperto di fango, come detto.

A dare conferma che sia proprio Mattia sarebbe la maglietta blu che il bambino portava il giorno in cui è rimasto travolto. Il suo corpo è stato rinvenuto a una certa distanza dal luogo in cui, quella drammatica sera dell’alluvione, il fiume straripante lo ha travolto con la madre Silvia, mentre stavano tornando verso casa. La donna si è riuscita miracolosamente a salvarsi aggrappandosi a un albero.

I genitori del piccolo avevano sperato, come tutta la Regione, fino all’ultimo che potesse avvenire un miracolo. Ci si augurava che magari potesse essersi salvato e rifugiato da qualche parte, in attesa che arrivassero i soccorsi. Tante le preghiere per il piccolo Mattia, anche con il vescovo di Senigallia, nel corso di una veglia a cui hanno partecipato in tantissimi.

Ora, essere certi della morte del piccolo, fa davvero molto male e un’intera comunità è profondamente addolorata. Mattia è la dodicesima vittima di questo violento alluvione che ha creato danni seri in provincia di Ancona.

Alluvione Marche, Brunella è ancora dispersa

Insieme a Mattia, di cui ora sappiamo cosa è accaduto, si cercava (e si cerca tuttora) anche Brunella Chiù, 56 anni, madre di due figli. Quella sera, la donna era con i figli Noemi e Simone, in auto, quando l’alluvione li ha travolti. Il corpo di Noemi è stato ritrovato venerdì scorso, mentre Simone è riuscito a salvarsi aggrappandosi anche lui a una pianta come Silvia Mereu, madre del piccolo Mattia. Brunella è ancora dispersa e i soccorritori proseguono le ricerche.