Fisco, aiuti di Stato per il Covid: online la dichiarazione semplificata per le imprese

Disponibile in rete la versione semplificata del modello di dichiarazione sostitutiva  per le imprese che hanno ricevuto aiuti di Stato durante l’emergenza Covid.

Va presentata entro la fine del mese di novembre utilizzando esclusivamente le modalità telematiche. Alcune modifiche dovrebbero rendere più agevole la compilazione rispetto alla precedente versione del documento.

In rete la dichiarazione semplificata per gli aiuti alle imprese per l’emergenza Covid. La compilazione semplificata è facoltativa, perciò è ancora possibile compilare l’autodichiarazione secondo le modalità ordinarie – Meteoweek

È disponibile in rete la versione semplificata del modello di dichiarazione sostitutiva per le imprese che hanno ricevuto aiuti dallo Stato nel corso dell’emergenza per la pandemia di Covid-19. Le imprese dovranno inviarlo all’Agenzia delle Entrate entro il 30 novembre 2022.

Il direttore dell’Agenzia ha firmato oggi il provvedimento che approva la nuova versione del documento – condivisa col Dipartimento delle Finanze del Mef (Ministero dell’Economia e delle Finanze), scritta secondo le indicazioni formulate dalla Commissione europea – che ha apportato alcune modifiche per renderne più facile la compilazione.

In particolare, nel caso in cui l’operatore economico dovesse trovarsi nella situazione più frequente, ovvero nelle condizioni in cui la quota complessiva degli aiuti di Stato ricevuti durante l’emergenza Covid-19 non avessero superato limiti previsti (800 mila euro fino al 27 gennaio 2021 e 1 milione e 800 mila euro dal 28 gennaio 2021), è possibile non indicare nel modello l’elenco dettagliato degli aiuti Covid di cui si è stati beneficiari. Basta compilare una casella apposita.

La dichiarazione semplificata resta facoltativa

La dichiarazione degli aiuti ricevuti durante la pandemia Covid-19 va inviata all’Agenzia delle Entrate entro la fine del mese di novembre 2022 – Meteoweek

Esclusi invece dall’esonero gli aiuti Imu, che devono essere comunque indicati. La compilazione semplificata rimane facoltativa. Il dichiarante può dunque compilare l’autodichiarazione secondo le abituali modalità. Sarà possibile presentare l’autodichiarazione col modello aggiornato e con la modalità di compilazione semplificata a partire dal 27 ottobre 2022. Per i contribuenti che hanno già mandato l’autodichiarazione servendosi del precedente modello non cambia nulla. Non sono dunque obbligati a ripresentare il modello nella nuova versione.

La dichiarazione va inviata entro il 30 novembre 2022, utilizzando unicamente la modalità telematica. Può essere inviata direttamente dal contribuente oppure attraverso un soggetto incaricato della trasmissione delle dichiarazioni, usando il servizio web disponibile nell’area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate. Oppure, in alternativa, si può inviare attraverso i canali telematici.