Influenza, l’allerta di Bertolaso: “Più preoccupante del Covid”

Dilaga in Lombardia l’influenza che ha già colpito moltissimi cittadini. L’assessore del welfare invita a vaccinarsi, nella regione i vaccini sono gratuiti dal 26 novembre. 

Lo dice senza mezze misure Guido Bertolaso: “Il Covid? Ora in Lombardia siamo più preoccupati per l’influenza“. L’ondata di contagi che sta investendo la regione Lombardia e l’Italia in generale sta destando una certa preoccupazione e l’assessore regionale al Welfare lombardo chiede ai cittadini di fare ricorso alla vaccinazione. Lo fa durante la presentazione a Palazzo Lombardia della campagna per il vaccino antinfluenzale tenutasi a Milano.

Secondo Bertolaso al momento i contagi da Covid “sono sotto controllo e l’occupazione dei posti letto in regione nella norma, ma avverte sul pericolo di un dilagare del virus che “dovrebbe presentarsi durante le festività natalizie“. Preoccupa di più quindi l’influenza che ha un andamento “già ad alta intensità rispetto al passato” con un picco atteso verso capodanno. “In Lombardia dal 14 al 20 novembre ci sono stati oltre 130 mila casi che hanno colpito soprattutto i bambini rispetto agli adolescenti e agli anziani — ha spiegato Bertolaso —. Da inizio settembre sono un milione le persone colpite“.

In Lombardia – continua l’assessore al Welfare – le sindromi simil influenzali hanno raggiunto un livello di media entità. È quindi fondamentale che soprattutto chi ha contatti con persone anziane o fragili approfitti dell’offerta vaccinale. Non dobbiamo dimenticare che anche l’influenza comporta dei rischi e soprattutto nei periodi di massima diffusione (dicembre, gennaio e febbraio) rischia di ingolfare i pronto soccorso, già abbastanza sotto pressione“.

La campagna vaccinale è iniziata il 12 ottobre e a oggi sono circa 1,4 milioni le persone che hanno ricevuto una dose di vaccino. “Nello stesso periodo dello scorso anno — ha detto Bertolaso— erano state quasi 1,3 milioni. A Palazzo delle Scintille siamo abituati a 30-40 mila somministrazioni al giorno per il Covid: 20 mila vaccinazioni antinfluenzali possono sembrare basse. Non è così“. Decisamente diversa è la copertura della fascia da 0 a 15 anni, ferma all‘8,4% mentre quella degli over 65 che ha raggiunto il 35,9%. “Ma è quella su cui puntiamo in modo importante” afferma l’assessore regionale.

Da questa settimana i vaccini contro l’influenza sono gratuiti in Lombardia. “Abbiamo preso questa decisione – spiega il presidente della Regione Attilio Fontana in seguito all’ultimo bollettino dei medici sentinella InfluNet, che registra alla data del 13 novembre già 1 milione e 180 mila italiani colpiti dall’influenza, di cui quasi 390mila in una settimana. Una sindrome influenzale che si presenterebbe con sintomi respiratori di una certa gravità, soprattutto per anziani, fragili e bambini sotto i 5 anni“.