Home Meteo Clima: dopo lo sciopero della scuola, adesso c’è lo sciopero delle nascite

Clima: dopo lo sciopero della scuola, adesso c’è lo sciopero delle nascite

CONDIVIDI

Il cambiamento climatico è così spaventoso, che un gruppo di persone stanno facendo lo sciopero della nascita.

organizzazione BirthStrike che sfila per protestare - meteoweek.com
Clima sciopero nascite organizzazione BirthStrike che sfila per protestare – meteoweek.com

I cambiamenti climatici stanno cambiando rapidamente l’ambiente in cui viviamo. Ma quanto lontano saresti disposto ad andare per salvare il pianeta?

Vuoi saltare la scuola? Mangi maiale ? Essere arrestato deliberatamente ? Che ne dici di rinunciare ad avere figli?
Per il 33enne musicista britannico Blythe Pepino quest’ultima è una realtà. I suoi timori sui cambiamenti climatici sono così forti che ha deciso di non avere figli biologici.
Voglio davvero un bambino“, ha dichiarato alla CNN. “Amo il mio partner e voglio una famiglia con lei, ma so che questo non è un momento in cui poterlo fare.”
Pepino crede che ci sarà un “Armageddon ecologico” e tempo fa’ ha fondato BirthStrike alla fine del 2018. BirthStrike è un gruppo di persone che dichiarano la propria decisione di non avere figli a causa dei cambiamenti climatici.
Finora sono entrate a far parte oltre 330 persone, di cui Pepino stima che l’80% siano donne.

Ereditare un mondo peggiore del nostro

I BirthStrikers hanno deciso che non possono far nascere dei bambini in un mondo in cui gli scienziati prevedono che i cambiamenti climatici porteranno grandi incendi boschivi, più siccità e carenza di cibo per milioni di persone. Nel 2018, leNazioni Unite ha avvertito il pianeta che rimangono solo 11 anni per prevenire catastrofici cambiamenti climatici.
Stai giocando d’azzardo con la vita di qualcun altro“, ha detto Cody Harrison, una ventinovenne che si è recentemente unita al gruppo. “Se le cose non vanno bene, i nostri figli non avranno una vita salutare
Quando il cambiamento climatico peggiora, moltiplica altre cose: è come se cadessero dei domino“, ha detto Lori Day, un altro membro di BirthStrike. “Oltre l’innalzamento del livello del mare e le tempeste, colpisce la produzione alimentare, le migrazioni, le risorse e la guerra”.
BirthStrike è uno dei tanti gruppi in tutto il mondo che mettono in discussione l’etica di avere figli in un mondo dove le temperature stanno crescendo. ConceptionFuture è una rete di donne in America fondata nel 2015 per sensibilizzare “la minaccia che il cambiamento climatico pone alla giustizia riproduttiva“, sebbene i membri del gruppo non abbiano scontato di avere figli.
“I dati dicono che c’è un ticchettio”, ha detto Josephine Ferorelli, una co-fondatrice del gruppo. “La finestra di 11 anni si avvicina sempre di più. – ed ha aggiunto – Che tipo di danno farà un mondo sconvolto dal cambiamento climatico a mio figlio? Nessuno ha le risposte per questo“, ha detto. A marzo, la congressista americana Alexandra Ocasio-Cortez ha detto a 3 milioni di follower su Instagram, “c’è un consenso scientifico sul fatto che la vita dei bambini sarà molto difficile … è ancora ok avere bambini?”
Rep. USA Alexandria Ocasio-Cortez in una conferenza stampa che svela la risoluzione Green New Deal, 7 febbraio 2019 - meteoweek.com
Clima sciopero nascite Rep. USA Alexandria Ocasio-Cortez in una conferenza stampa che svela la risoluzione Green New Deal, 7 febbraio 2019 – meteoweek.com

Più bambini, più emissioni

Oltre alle paure che circondano la qualità della vita per le generazioni future, alcuni BirthStriker non vogliono avere figli a causa delle emissioni extra prodotte dai loro figli e dai loro discendenti.
Population Matters un’organizzazione benefica con sede nel Regno Unito che vanta David Attenborough come patrono e punta a raggiungere una “popolazione umana sostenibile”. Sostiene infatti che con l’aumento della popolazione è direttamente proporzionale con le emissioni di carbonio e la perdita delle foreste tropicali, così come altri impatti ambientali.
Entro il 2030, le Nazioni Unite stimano che ci saranno circa 8,5 miliardi di persone sul pianeta e nel 2100 potrebbero esserci ben 11 miliardi.
Attualmente, la Banca Mondiale stima che una persona in media emetta 5 tonnellate di anidride carbonica all’anno. La maggior parte della crescita prevista della popolazione mondiale sarà nei paesi in via di sviluppo, ma i paesi sviluppati hanno emissioni di CO2 medie molto più elevate. Un americano medio emette 15,6 tonnellate l’anno, mentre lo Sri Lanka e il Ghana emettono meno di una tonnellata pro capite.
emissioni Co2 - dati banca mondiale - meteoweek.com
emissioni Co2 – dati banca mondiale – meteoweek.com
Il costo opportunità di un bambino
Sia BirthStrike che Conception Future sono pronti a dire che non approvano metodi coercitivi di controllo della popolazione.
Greta Thumberg - meteoweek.com
Clima sciopero nascite Greta Thumberg – meteoweek.com
Né i gruppi dovrebbero essere confusi con il movimento anti-natalista, la filosofia secondo cui è moralmente sbagliato procreare, a causa della sofferenza che deriva dalla vita.
Cerco di non giudicare nessuno per le proprie scelte“, ha detto Harrison. “Una volta che sarò pronta mi piacerebbe adottare.” Un giorno si è anche chiesta se un bambino che dovrebbe nascere potrebbe essere il bambino che risolve la crisi climatica.
A volte mi chiedo, e se la madre di Greta Thunberg non avesse voluto avere figli a causa dei cambiamenti climatici?” ha detto Day, riferendosi alla ragazza di 16 anni che ha ispirato le proteste del clima giovanile in tutto il mondo, dopo aver organizzato un sit-in al di fuori del parlamento svedese ogni venerdì.
Scarica l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!
 
✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore ✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore