Alessandria in lutto, ecco chi erano i tre vigili del fuoco morti nell’esplosione di Quargnento

I vigili del fuoco morti dell’incendio di una cascina a Quargnento. Tre ottime persone, tre grandi lavoratori. Ecco chi erano.

La morte dei tre vigili del fuoco a Quargnento ha scosso la comunità di Alessandria e non solo. Sono tanti i messaggi che stanno arrivando sui social di sostegno alle famiglie dei tre caduti nella notte per l’esplosione di una cascina. Tre persone per bene, tre eroi che si sono spenti per svolgere al meglio il proprio lavoro.

Vigili del fuoco morti, ecco chi erano. Il ricordo di Matteo Gastaldo

Matteo Gastaldo – Foto tratta da Facebook

Il primo toccante ricordo è per Matteo Gastaldo. “Era un gaviese doc. Durante l’ultima emergenza maltempo, che ci ha messo in ginocchio, è stato sempre in prima linea, sia come vigile del fuoco sia come compaesano“, questo è il ricordo della vicesindaca di Gavi, Nicoletta Albano. Che poi aggiunge: “Matteo deve il suo nome al nonno, che qui ha fondato la storica gelateria oggi gestita dal fratello“. “L’intera cittadinanza e tutta l’amministrazione comunale – conclude la vicesindaca – è vicina alla famiglia del nostro vigile del fuoco. Vogliamo assicurare la nostra vicinanza alla compagna Elisa e alla figlia di 9 anni, Elena Sofia“.

Vigili del fuoco morti: Antonio Candido, figlio di un vigile del fuoco

Antonio Candido – Foto tratta da Facebook

Antonio Candido – detto Antonino – era originario di Reggio Calabria. Fin dal 2006 aveva svolto servizio al comando di Reggio Calabria come volontario. Nel settembre 2017 era stato assunto, coronando il sogno della sua vita, quello di fare lo stesso mestiere del padre Angelo, capo reparto dei Vigili del fuoco in servizio al distaccamento aeroportuale di Reggio Calabria. Era stato assegnato al comando provinciale di Alessandria. Il giovane si era sposato ad agosto del 2018. Il padre della vittima, appena appresa la notizia, è partito per il Piemonte. I colleghi del comando di Reggio Calabria si sono stretti attorno alla famiglia del loro collega deceduto.

Marco Triches, il ricordo del sindaco di Alessandria

vigili del fuoco morti
Marco Triches – Foto tratta da Facebook

Infine è il turno di Marco Triches, che era proprio di Alessandria. “È andato incontro al suo destino, con il senso del dovere che contraddistingue chi opera silenziosamente per il nostro benessere“. Il sindaco di Valenza (Alessandria), Gianluca Barbero, gli ha reso così omaggio su Facebook.

Un valenzano, uno dei nostri ragazzi, uno dei tanti che sposano la nostra comunità per lavoro o per amore o per scelte che li portano a essere qui con noi e molto spesso la parte migliore di noi – aggiunge il primo cittadino su Facebook – Non ci sono parole di fronte a quanto avvenuto, non esistono balsami per certe ferite e per certi dolori, ma sono certo, interpretando il pensiero di tutti noi valenzani, che sapremo oggi domani e sempre essere presenti e vicini a coloro che più forte quel dolore stanno vivendo. L’impegno sia per tutti noi di portare Marco nel cuore e di avere due persone care in più cui badare, Clarissa e Francesco“.

Anche Mattarella rende omaggio ai pompieri di Alessandria

Moltissimi i messaggi di solidarietà e cordoglio. A cominciare dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha inviato al Prefetto Salvatore Mulas, Capo Dipartimento dei Vigili del Fuoco, il seguente messaggio: “In questa dolorosa circostanza desidero esprimere a lei e al Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco la mia solidale vicinanza, rinnovando il profondo sentimento di fiducia e di riconoscenza per la generosa dedizione al servizio della collettività“.

Per restare sempre aggiornati, rimanete connessi con MeteoWeek