Insulti al movimento delle Sardine dal direttore di Aler, scoppia la bufera!

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:22

Insulti social al movimento delle Sardine anti Salvini, scoppia la bufera con il direttore di Aler, Corrado della Torre. “Infilatevele nel c…”.

insulti sardin aler

Scoppia la polemica sul movimento delle Sardine. Il direttore generale di Aler Brescia-Mantova-Cremona, Corrado Della Torre, aveva pubblicato su Facebook lo scorso 22 novembre un post (poi rimosso) che recitava: “Le sardine infilatevele nel c…“. Così come altri posti ritenuti offensivi, come: “Sardine già dal nome capisci che sono poveri sfigati mentecatti“.

Leggi anche —> Sbloccata la pagina Facebook delle “sardine” anti-Salvini

Insulti al movimento delle Sardine dal direttore generale di Aler: “Mettetevele nel c… già dal nome capisci che sono poveri sfigati”

Corrado della Torre
Corrado Della Torre

A tali offese non si è fatta attendere la risposta dei M5S, che è arrivata per bocca di Nicola Di Marco, consigliere regionale pentastellato della Lombardia. “Della Torre sul suo profilo Facebook il 22 novembre – spiega Di Marco – ha pubblicato un intervento offensivo e lesivo della dignità sul movimento delle sardine“. Post al quale qualche giorno dopo, il 25 novembre, ne ha fatto seguito un altro, sempre di Della Torre: “Evidentemente quello degli imbecilli è un GENE“.

Sono dichiarazioni becere e vergognoseaccusa Di Marco -. Della Torre ogni volta che parla rappresenta un ente regionale di primo piano, non può parlare come un odiatore qualsiasi. Il Movimento delle sardine, al di là di quello che esprime, va rispettato soprattutto da chi riveste ruoli di vertice nell’amministrazione di beni pubblici“.

Leggi anche —> Palermo, le Sardine scendono in piazza: cori e striscioni contro l’intolleranza

M5S e Pd insorgono: “Il presidente di Aler prenda le distanze da Della Torre”

movimento sardine

Non solo il M5S, ma anche il Pd insorge: “Chiediamo al presidente Fontana e al presidente di Aler Brescia Cremona e Mantova di prendere nettamente le distanze da comportamenti che mettono in cattiva luce anche l’istituzione regionale“.