Di Maio avverte sul Mes: “Italia non firmi al buio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:31

Il capo politico del M5S sottolinea che con il cambio di governo, “la nuova maggioranza non si è ancora espressa”. E sottolinea: “Sarà necessaria una riflessione approfondita su un argomento molto delicato”

M5S crisi: Luigi Di Maio non cede e va avanti come un treno - meteoweek
Luigi Di Maio

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio interviene da Matera sul Mes, sul quale si sono vissuti giorni di fuoco tra maggioranza e opposizione. Secondo il capo politico del M5S l’Italia dovrà mettersi nelle condizioni di firmare solo dopo accurata riflessione. “Quel trattato come tanti altri trattati – spiega dal centro lucano – ha bisogno di molti miglioramenti. Non possiamo pensare come Italia di firmare al buio un trattato come il Mes, la riforma del trattato del Mes, anche perché è solo una parte. C’è l’unione bancaria, c’è l’assicurazione sui depositi. Quando avremo letto tutto, potremo verificare se convenga all’Italia il pacchetto”.

Il ministro pentastellato sottolinea che, con il cambio di governo, “la nuova maggioranza non si è ancora espressa sul Mes”, quindi è “bene che ci sia un riflessione approfondita”. “Un negoziato di questo tipo – avverte Di Maio- ha tutte le possibilità di migliorare questo trattato. Saranno giorni decisivi”.

Leggi anche –> Omicidio Sacchi: tre cose non tornano agli inquirenti, Anastasiya nasconde la verità

Di Maio non esclude un vertice di governo: “Ne stiamo parlando”

‘L’unione bancaria – secondo il ministro degli Esteri – così come è scritta, preoccuperebbe ancora più del Mes. L’assicurazione sui depositi, in primis, finisce sul tavolo delle richieste grilline. “Questi negoziati in corso – conclude – è bene che proseguano con un protagonismo dell’Italia, che sicuramente negli ultimi mesi ha avuto difficoltà perché c’è stato un cambio di Governo”.

Secondo indiscrezioni è altamente probabile inoltre che proprio domani ci sarà una riunione di governo, alla vigilia delle comunicazioni del premier Giuseppe Conte in Parlamento sul fondo salva Stati. Lo stesso Di Maio, a riguardo, è stato possibilista: “Ne stiamo discutendo”.

Leggi anche –> Borghezio accusato di furto carte storiche. L’ex eurodeputato leghista: “Un equivoco”