Giudici di pace contro Bonafede: a gennaio tre settimane di sciopero

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:04

‘Retribuzioni non dignitose’. I Giudici di pace sono sul piede di guerra dopo l’ultimo insoddisfacente incontro con il ministro della Giustizia Bonafede. Sciopero a gennaio.

giudici di pace in sciopero
Giudici di pace sul piede di guerra

I Giudici di pace si rivoltano dopo l’ultimo incontro con il Guardasigilli Bonafede del 4 dicembre scorso.

LEGGI ANCHE>>>‘Tassa della fortuna’: aumentano le tasse su giochi e lotterie

Sul tavolo della discordia le richieste che da anni i giudici di pace presentano ai vari governi che si avvicendano: in particolare il riconoscimento dello status di lavoratori con tutte le garanzie a questi dovuti e una retribuzione degna e dignitosa. I Giudici si fermeranno per tre settimane a partire dal 6 gennaio prossimo.

POTREBBE INTERESSARTI>>>Manovra, il decreto legge Alitalia non entra nel ddl bilancio

La nuova astensione dalle udienze dalle udienze, dopo quella dal 25 al 29 novembre, è stata indetta dalle associazioni ANGDP (Associazione nazionale giudici di pace) e UNAGIPA (Unione nazionale giudici di pace). Sarà un blocco solo parziale nel periodo compreso fra il 6 gennaio al 1° febbraio 2020. Durante l’astensione, saranno garantiti i servizi essenziali secondo le modalità e nei limiti previsti dai codici di autoregolamentazione.

In una lunga lettera al ministro, i giudici di pace sottolineano la loro delusione e “l’amarezza dettata dalla constatazione del tempo perduto nella speranza di ricevere giustizia da chi ci chiede di garantire giustizia. La delusione è alimentata in maniera esponenziale dalla consapevolezza che anche questo ministro utilizza lo spettro delle esigenze contabili per dissimulare la volontà di non cambiare nulla”.

giudici di pace in sciopero
Il Ministro della Giustizia Bonafede

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui