Influenza, a dicembre si sfiora già il milione di contagiati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:35

I valori più alti riguardano Piemonte, Lombardia, la provincia autonoma di Trento, Friuli Venezia Giulia ed Emilia-Romagna. A seguire Marche, Abruzzo e Sicilia. Numeri in crescita nell’ultima settimana

Secondo il bollettino Influnet, a cura del Dipartimento malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità, i contagi riferiti ai primi undici mesi sono 887 mila. Gli esperti parlano già di “circolazione dei virus influenzali inizia ad intensificarsi”, anche se non è scattato il vero e proprio allarme.

Nella graduatoria dei ‘contagi’, i valori più alti riguardano Piemonte, Lombardia, la provincia autonoma di Trento, Friuli Venezia Giulia ed Emilia-Romagna. Subito a ruota altre tre regioni: Marche, Abruzzo e Sicilia.

Leggi anche –> Siena, tweet pro Hitler di un professore. I giudici: “No a sequestro del profilo”

Ultimi sette giorni con impennata: 177 mila contagi a dicembre

Nell’ultima settimana i contagi sono stati 177mila portando così a 887mila il numero di persone a letto da inizio stagione. La cifra tonda del milione non è più un’utopia. Secondo il Sistema di Sorveglianza Integrata dell’Influenza, nella settimana dal 2 all’8 dicembre 2019 l’incidenza totale è stata pari già a 2,88 casi per mille assistiti. Ad esser colpiti sono stati soprattutto i bambini. Nella fascia di età 0-4 anni, infatti, l’incidenza è pari a 6,64 casi per mille assistiti, il doppio rispetto agli adulti.

Leggi anche –> Piazza Fontana, cinquant’anni di silenzi, depistaggi, segreti di Stato

Il problema sembrerebbe riguardare anche gli anziani con un’età superiore ai 65 anni, ai quali la vaccinazione è fortemente raccomandata dal Ministero della Salute. Sembrano essere molto restii a immunizzarsi dall’influenza. L’Eurostat ha rilevato che la copertura influenzale per questa fascia d’età è buona soltanto sul Regno Unito dove si sono vaccinati 7 anziani su 10. In Italia siamo solo al settimo posto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui