Gdf, sequestrate le mail di Open: a Palazzo Chigi le norme «gradite» ai finanziatori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:15

Le mail sono state sequestrate dalla Guardia di finanza nel corso delle perquisizioni ordinate dalla Procura di Firenze e rappresentano uno degli elementi d’accusa contro Bianchi e Carrai

Gdf, sequestrate le mail di Open: a Palazzo Chigi le norme «gradite» ai finanziatori - meteoweek
Gdf, sequestrate le mail di Open: a Palazzo Chigi le norme «gradite» ai finanziatori – meteoweek

Progetti, emendamenti inviati dal presidente di Open Alberto Bianchi a Palazzo Chigi nel periodo in cui era premier Matteo Renzi. Sono mail sugli interventi sollecitati dagli imprenditori che volevano finanziare la fondazione. Queste mail adesso, sono state sequestrate dalla Guardia di Finanza durante le perquisizioni ordinate dalla Procura di Firenze. E rappresentano uno degli elementi di accusa contro lo stesso Bianchi, ma anche contro Marco Carrai, l’altro componente del «giglio magico».  Entrambi sono indagati per finanziamento illecito. Sono migliaia i documenti acquisiti sull’attività di Open che risultano agli atti depositati al tribunale del Riesame. Documenti che svelano soprattutto il ruolo avuto dai protagonisti, tra questi Luca Lotti, componente del consiglio di amministrazione.

leggi anche–> Intervista a Giuseppe Conte: “Chi vuole scommettere su Salvini lo faccia pure”

Secondo i magistrati la fondazione nata per sostenere l’attività politica di Renzi, agiva in realtà come «articolazione di un partito politico» e avrebbe favorito gli interessi di chi — tra il 2012 e il 2018 —accettò di versare contributi economici. I due invii a Manzione e Renzi È il decreto di sequestro eseguito dalla Guardia di Finanza il 26 novembre scorso a dare conto di quanto trovato negli uffici di Bianchi. Al «punto 24, fascicolo rosso» è allegata la descrizione dei documenti. E tra l’altro è annotato: «Cartellina bianca intestata “Sblocca Italia ernendam” contenente una mail del 25 settembre 2014 inviata dalla segreteria studio Alberto Bianchi e diretta a a.manzione@governo.it avente ad oggetto “emendamento” e come allegato “proposta di emendamento dl sblocca Italia” e lo schema decreto legge misure urgenti per l’apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche la digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica, l’emergenza del dissesto idrogeologico per la ripresa delle attività produttive».

leggi anche–> Violenze sessuali di gruppo: sequestrata Casa Famiglia a Vercelli

La destinataria è Antonella Manzione, capo dei vigili urbani di Firenze che Renzi decise di portare a Palazzo Chigi e nominò responsabile dell’ufficio Affari legislativi. E ancora, nello stesso faldone, è stata ritrovata la copia di un’altra mail «del 14 aprile 2014 inviata da segreteria studio Alberto Bianchi a luca@matteorenzi.it avente ad oggetto FeB Italiano, dal cui testo si evince che Alberto Bianchi gira una mail di Scordamaglia». Mail che fa riferimento a Luigi Scordamaglia, uno degli imprenditori diventati finanziatori della fondazione. Al momento gli investigatori stanno  esaminando le agende, i bilanci e tutti gli altri allegati alla posta elettronica — alcuni contrassegnati dalla dicitura «Riservato» — proprio per ricostruire i flussi finanziari e le eventuali contropartite. I messa per il fedelissimo Uno dei capitoli d’inchiesta riguarda i contatti tra Bianchi e Luca Lotti.

Stando alla difesa di Bianchi si sarebbe trattato di normali interlocuzioni, visto che entrambi erano nel cda, ma sotto accusa ci sono numerosi messaggi sui quali i magistrati hanno chiesto ulteriori verifiche proprio perché riguardano presunti interventi legislativi in favore dei finanziatori.

Scrive la Guardia di Finanza: «Particolarmente significativo è l’appunto indirizzato da Bianchi a Lotti, datato 12 settembre 2016; in tale appunto Bianchi riferisce di aver avuto 750K “sulla base dell’accordo con Toto” e che riceverà 8oK “sulla base dell’accordo con British American Tobacco”; quindi, informa di aver determinato, con l’aiuto del commercialista il netto di 830K (750 + 8o) in euro 400.838, somma che dichiara di aver versato per intero alla “Fondazione Open” ed al “Comitato nazionale per il sì”». II motivo dell’interesse è spiegato nei provvedimenti di perquisizione. «La citata “British American Tobacco” risulta tra finanziatori della fondazione Open e tra i clienti sia dell’avvocato Alberto Bianchi, sia dell’associazione professionale. Bianchi ha tenuto costantemente informato Luca Lotti dell’evolversi della pratica, ma anche di altre pratiche afferenti il gruppo Toto»: Gli affari di Carrai Controlli e nuove indagini sono stati disposti anche nei confronti di Carrai e in particolare sulle due società in Lussemburgo Wadi Ventures Management, e della Wadi Ventures sea. Scrivono i finanzieri: «Va evidenziato come tali iniziative imprenditoriali (sia quelle lussemburghesi che quelle italiane) sono state avviate e portate avanti in concomitanza temporale con le attività della fondazione. Le acquisizioni investigative evidenziano l’intreccio tra iniziative imprenditoriali e finanziamenti alla Open». E ancora: «Wadi Ventures risulta destinataria di somme di denaro provenienti, fra gli altri, da investitori italiani gia finanziatori della “Fondazione Open”. Le risorse finanziarie appaiono essere state utilizzate per acquisire partecipazioni in società ancora non individuate».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui