Treviso, pakistano sfruttava braccianti stranieri, arrestato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:47

Treviso, pakistano sfruttava braccianti stranieri, arrestato dai Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro locale con i colleghi di Cessalto. Vivevano in condizioni disumane ed erano obbligati a pagarlo.

Treviso pakistano braccianti arrestato
Treviso, pakistano sfruttava braccianti stranieri, arrestato

Treviso, pakistano sfruttava braccianti stranieri, arrestato dai Carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro locale. L’indagine, iniziata lo scorso ottobre, ha accertato che i lavoratori vivevano a Cessalto, nella sede di una azienda agricola, in condizioni di indigenza umana.

Il pakistano, 27 anni, sfruttava 18 persone, tra cui vari connazionali, facendoli vivere in un tugurio, in condizioni disumane e pretendendo anche un pagamento per i ‘servizi’ offerti.  Il pakistano trasportava le vittime sfruttate caricandoli su furgoni privi di assicurazione e bollino di revisione. Per giunta i conducenti erano senza patente nelle campagne delle province di Treviso, Venezia e Pordenone. Oltre ad essere sottopagati, i braccianti versavano 4 Euro al giorno per il trasporto, 50 euro al mese per i pasti, che consistevano solo in pane e fagioli. E altri 100 euro al mese per posti letto fatiscenti.

Leggi anche>> Si aggiunge un nome nuovo alla ‘corte’ delle Sardine: Luigi Di Maio

A Treviso, pakistano sfruttava braccianti stranieri, arrestato per averli ridotti in semi-schiavitù: li obbligava a svegliarsi alle 4.30/5 del mattino, per prepararsi con i pochi mezzi a disposizione e poter essere pronti alla partenza. Raggiungevano i campi un paio d’ore dopo. I carabinieri hanno scoperto condizioni abitative al di sotto degli standard minimi di pulizia e con i servizi con condizioni igienico-sanitarie assolutamente precarie.

Treviso pakistano braccianti arrestato
Pakistano sfruttava connazionali a Treviso

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui