Il Boeing 737 Max non vola più. Sospesa la produzione da gennaio 2020

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:44

Il comunicato diffuso dalla compagnia americana precisa che i dipendenti coinvolti nella produzione del velivolo “continueranno il lavoro collegato al 737 o saranno assegnati temporaneamente ad altri incarichi”.

I Boeing che non voleranno più

La Boeing ha annunciato la sospensione a gennaio della produzione del suo aereo 737 Max, interdetto a marzo nei cieli di tutto il mondo dopo due gravi incidenti aerei in Indonesia ed Etiopia con oltre 300 morti. Il provvedimento non comporta licenziamenti

LEGGI ANCHE>>> Via libera del Senato alla Manovra. Scontro sulla cannabis e bagarre M5S

Il comunicato diffuso dalla compagnia americana precisa che i dipendenti coinvolti nella produzione del velivolo “continueranno il lavoro collegato al 737 o saranno assegnati temporaneamente ad altri incarichi”.

LEGGI ANCHE>>> Relazione e figlio con un 15 enne, la donna si rivolge alla Corte Costituzionale

La Boeing aveva continuato a produrre i 737 Max nel suo stabilimento di Seattle. Al momento, spiega il comunicato, vi sono 400 di questi aerei in stock. La sospensione della produzione arriva ma non sono ancora arrivate le autorizzazioni delle autorità competenti per permettere ai 737 Max di tornare in servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui