Roberta Barrile, il figlio: “L’ha uccisa senza guardarla”. Preso l’assassino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:15

Svolta nelle indagini sulla morte di Roberta Barrile, 50enne uccisa da un pirata della strada a Rosignano: individuata l’auto dell’assassino, arrestato il probabile colpevole. 

ambulanza - Roberta Barrile

Dopo una serie di indagini è arrivata finalmente la svolta: arrestato il possibile assassino di Roberta Barrile, la donna di 50 anni che ieri pomeriggio, a Rosignano Solvay (Livorno), è stata investita e uccisa da un’auto il cui conducente, dopo l’urto, non si era fermato per prestare soccorso.

Il pirata della strada era scappato senza prestare soccorso, lasciando la donna morire sull’asfalto. Oggi si era espresso anche il figlio, che con un appello pubblicato sui social invitava chiunque potesse a collaborare con le indagini.

Leggi anche: Rosignano, donna morta investita. Il figlio: “Aiutateci a trovare il pirata della strada”

Guarda qui: Rosignano, donna investita perde la vita: caccia al pirata della strada

La svolta: rintracciata la Fiat bianca, evidenti i segni dell’incidente

Subito dopo il dramma, le indagini sono partite a spron battuto. Polizia, municipale e carabinieri hanno infatti provveduto ad intervistare i testimoni dell’incidente per capire se qualcuno di loro potesse effettivamente essere in grado di fornire qualche dettaglio in più sulla macchina o sul conducente. Le forze dell’ordine hanno inoltre visionato anche i filmati ripresi dalle telecamere di sorveglianza delle attività presenti nella zona, per tentare di risalire alla targa del veicolo – e quindi pure al suo proprietario.

Poche ore fa, dunque, le forze dell’ordine sono risalite a un ragazzo di 26 anni, abitante del luogo, proprietario dell’auto e probabilmente coinvolto con l’incidente. Sul suo veicolo, corrispondente alla Fiat Panda bianca vecchio modello segnalata dai testimoni, sono stati rintracciati segni di un violento urto – compatibili, quindi, con il sinistro e l’uccisione di Roberta Barrile. Il giovane dovrà ora rispondere delle accuse di omicidio stradale e omissione di soccorso.

L’appello social del figlio: un grido disperato

Roberta Barrile era una violinista, un’insegnante di musica. Sarebbe partita per Londra, la prossima settimana; ma un pirata della strada le ha tolto la vita. Nella giornata di ieri, dopo aver accompagnato la figlia a una lezione di tennis e aver fatto un po’ di acquisti, nei pressi di un semaforo e di un attraversamento pedonale è stata investita da un’auto. L’aiuto dei soccorsi non è servito a salvarle la vita.

“Mia madre si chiamava Roberta Barrile, era una donna incredibile, madre di 5 ragazzi. Vi scongiuro aiutateci a trovare la persona che non ha nemmeno avuto il coraggio di scendere di macchina e vedere in faccia la persona a cui ha tolto la vita”. Questo scrive sui social network Gioele, uno dei cinque figli della donna di Roberta Barrile.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui