Sentenza per Gabriele De Filippi. Ingannò e uccise Gloria Roseboch

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:08

Sono ora definitive le condanne a 30 anni per Gabriele Defilippi, e 18 anni e 9 mesi all’amico Roberto Obert, per l’omicidio di Gloria Rosboch, l’insegnante 49enne di Castellamonte (Torino), uccisa nel gennaio del 2016.

 

La prima sezione penale della Cassazione ha respinto i ricorsi dei due giovani condannati e confermato la sentenza della Corte d’assise d’appello di Torino del 14 dicembre dello scorso anno.

LEGGI ANCHE>>> Roberta Barrile, il figlio: l’ha uccisa senza guardarla Preso lassassino

Gloria Rosboch scomparve il 13 gennaio e il suo corpo fu ritrovato un mese dopo in una discarica. Secondo l’accusa, dietro l’omicidio c’era un raggiro, una truffa: Defilippi, suo ex allievo, la convinse a versargli 187 mila euro in cambio di una nuova vita, in Costa Azzurra. Quando la donna – come ricostruito dalle indagini – si rese conto che erano parole al vento, chiese la restituzione della somma. Da quel momento si persero le sue tracce.

POTREBBE INTERESSARTI>>> Renato Pasquali muore tra le fiamme della sua mansarda a Bologna

Il corpo della donna fu ritrovato il 19 febbraio, l’autopsia rilevò che era stata strangolata. Defilippi, amante dei travestimenti, con una quindicina di profili su Facebook, ammise di aver ucciso la donna. Anche in primo grado è stato condannato a 30 anni, in una delle prime udienze davanti al gup di Ivrea si dichiarò unico responsabile. Obert, condannato in primo grado a 19 anni, ha ricevuto in appello un leggero sconto di pena. La Suprema Corte ha accolto le richieste del pg di Cassazione Pina Casella, che nella sua requisitoria ha chiesto la conferma della condanna, ritenendo che quello di Gloria Rosboch sia stato un delitto lucido ed efferato, compiuto con un’azione studiata nei minimi dettagli.

Gloria Rosboch

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui