Condannata 77enne nel pesarese, stalking condominiale ai danni di due inquiline

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:06

E’ stata arrestata una pensionata di 77 anni, la donna è accusata di aver minacciato e terrorizzato le vicine di casa. In capo alla vecchina sui generis pende un procedimento per stalking condominiale.

Anziana condannata per stalking – meteoweek

Atti intimidatori e minacce: un incubo che potrebbe finalmente essere finito. Un tranquillo paese nel pesarese, Ginestreto, è diventato teatro di un singolare fatto di cronaca raccontato sulle colonne de Il resto del Carlino. L’anziana, invalida, da marzo 2017 a ottobre 2019, avrebbe perseguitato due donne, madre e figlia. Oltre a minacciarle di morte, anche in presenza di testimoni, la 77enne gettava olio sulle scale e lanciava dal balcone in cortile spazzatura e mozziconi di sigaretta accesi che avrebbero anche incendiato un capanno.

Atteggiamenti intimidatori accompagnati da ingiurie e minacce, “Vado in casa a prendere un coltello e vi ammazzo se non morite prima per la strada”. Nel report dei pm si legge poi che la donna avrebbe agito con pervicacia ed una certa dose di malvagità. Le inquiline vittime, si legge nelle parole degli inquirenti “vivono nell’angoscia di essere aggredite, picchiate, ferite se non uccise”.

Leggi anche -> Violenza sulle donne, report: una vittima ogni 15 minuti e 88 casi al giorno

Rigettata la richiesta del legale della donna

Tribunale di Pesaro – meteoweek

A nulla sono serviti i tentativi del legale della donna che avrebbe infatti chiesto la revoca della condanna. Il giudice del dibattimento ha però preservato quanto deliberato in quanto la settantasettenne non avrebbe mostrato alcun pentimento, arrivando invece a negare le accuse.

Su richiesta della Procura il gip ha deciso così per i domiciliari che la nonnina dovrà scontare a dieci km dall’abitazione delle due vittime. “Ora che quella donna è stata mandata via da questa casa speriamo che l’inferno sia finito” spiegano le due inquiline vessate. “Attendiamo l’esito del processo ma ci auguriamo di non vivere più gli incubi passati”. La pensionata era agli arresti domiciliari a casa della figlia. Ma ora è già stata trasferita in un’altra abitazione, singola.

Leggi anche -> Aggredisce un’anziana in visita al cimitero: arrestato il violentatore

Non un unicum

Una storia singolare che fa quasi il paio con la situazione denunciata negli scorsi giorni nel corso del programma di Italia 1 “Le iene”. In quel caso vittime di angherie erano i residenti di Bagnara Calabra, una signora del posto si era resa autrice di lanci di pipì, spazzatura e feci oltre che di insulti di ogni tipo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui