Governo, Salvini attacca: “Mandiamo a casa questi incapaci”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:18

Dal palco del congresso della Lega, Matteo Salvini ha mandato un messaggio al governo giallorosso guidato da Conte: “Prima mandiamo a casa questi incapaci e meglio è per tutto il paese Italia”

Matteo Salvini torna all’attacco del governo giallorosso guidato da Conte. Dal palco del congresso della Lega, in corso di svolgimento a Milano, l’ex ministro dell’Interno ha voluto lanciare un messaggio al Pd e agli alleati nel precedente esecutivo. “Ci regalano una manovra di tasse e nessuna prospettiva per il futuro. Prima mandiamo a casa questi incapaci e meglio è per il bene del paese”.

Il leader del Carroccio assicura i suoi. “Sarà una triste parentesi che ricorderemo negativamente. L’ambizione – prosegue – è cambiare la storia di questo continente. Non ci dobbiamo accontentare di mandare a casa i vari Conte, Renzi e Di Maio, che tanto andranno a casa e saranno sconfitti dal volere popolare molto presto. Nei libri di storia non ci sarà una virgola su di loro, lo sappiamo”.

Leggi anche –> Filetti di alici ritirati dai supermercati: contengono aflatossine

Leggi anche –> Paolo Ruffini, chi è la sua ex moglie: l’attrice prima di Diana Del Bufalo [FOTO]

“ll congresso apre una nuova sfida per tutta l’Italia”

L’ex ministro lancia bordate al governo nel giorno del Congresso di Milano, che spalanca le porte dell’intero paese all’ormai superata Lega Nord. “C’è una priorità. Non occuparsi più di una parte di Paese ma abbracciare nel nome del buon governo tutta l’Italia – ha detto Salvini – e se ripenso a quando ho iniziato questo percorso sei anni fa con la Lega al 3%, non avrei mai immaginato di avere l’onore e la fortuna di rappresentare il primo partito di questo Paese e la speranza per milioni di italiani”.

elezioni regionali toscana sondaggi
Matteo Salvini

“Qualcuno – conclude in maniera polemica – questa speranza la vuole fermare anche attraverso una iniziativa giudiziaria. Diciamo loro che non ce la faranno. Senza troppi giri di parole. Quando un popolo assapora il profumo della libertà, ed è ciò che avviene, non ci sono manette che tengono”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui