Maltempo, situazione critica in Liguria. “Non uscite di casa”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:02

Vera e propria emergenza in Liguria, interessata oggi da una violenta ondata di maltempo: frane, esondazioni ed evacuazioni in diverse zone. L’appello del sindaco di Sanremo: “Chi può resti a casa”

Situazione d’emergenza in Liguria interessata oggi da una violenta ondata di maltempo. Così come previsto dalla Protezione Civile, che aveva emesso un’allerta rossa sulla regione, si stanno verificando piogge e forti venti, causando danni e disagi su tutto il territorio.

Sei famiglie sono state evacuate nella frazione Poggio nel comune di Badalucco a causa di una frana che ha investito una strada comunale. Si registra poi un deciso aumento del moto ondoso nel Mar Ligure. La boa di Ventimiglia ha registrato 4 metri di onda significativa e circa 7 metri di onda massima. Nel comprensorio albenganese sono esondati il rio Fasceo e il rio Carendetta. Si segnalano danni alle coltivazioni della piana. E’quanto emerso dai dati della Protezione civile di Genova.

Leggi anche –> Nadia Toffa, la madre: “Ho dovuto nasconderla, la cercavano nei cimiteri”

L’accorato appello del sindaco di Sanremo

“Siamo vigili su tutte le emergenze del territorio. Restate assolutamente lontani da scantinati e locali sottostrada. Chi può, e non è obbligato ad uscire, rimanga in casa”. E’ l’accorato appello lanciato, tramite Facebook, dal sindaco di Sanremo Alberto Biancheri.

Leggi anche –> Paolo Ruffini, chi è la sua ex moglie: l’attrice prima di Diana Del Bufalo [FOTO]

“In Valle Armea – aggiunge il primo cittadino – stiamo evacuando a scopo precauzionale alcune ditte perché il torrente Armea ha di nuovo superato il secondo livello di guardia. Tutti i torrenti sono ancora pericolosi perchè non riescono a scaricare in acqua. Lo dicono le informazioni in nostro possesso”.

Le ultimissime parlano infine di una frana che ha provocato l’interruzione della strada provinciale 548 della Valle Argentina. Regione Liguria precisa. “Lo smottamento si è verificato fra Taggia e Badalucco”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui