Monza, dodicenne diffonde foto di una sua coetanea senza vestiti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:45

La ragazzina aveva mandato lʼimmagine ad un amico. Ma a mesi di distanza quest’ultimo, forse per vendetta, la divulga su whattsapp. Aperta un’inchiesta dopo la denuncia dei genitori

Ha inviato al suo compagno di classe una fotografia senza vestiti tramite Instagram. Lui, dopo alcuni mesi, presumilbilmente per vendetta, l’ha divulgata su whattsapp. I due protagonisti sono due dodicenni di una scuola media di Monza, che hanno portato all’apertura di un’inchiesta dopo la leggerezza social.

L’episodio avvenne alcuni mesi fa. La ragazza, utilizzando la modalità di singola visualizzazione (nelle direct?) inviò una fotografia hot e senza veli, convinta di aver caricato un contenuto sparito subito dopo. Il dodicenne, però, sfruttando le sue abilità e le sue conoscenze in termini di ripristino su Instagram, ha recuperato la fotografia e l’ha divulgata su whattsapp successivamente. Vendetta? Rapporti incrinati tra i due? Tutti gli elementi saranno analizzati dagli investigatori.

Leggi anche –> Raffella Mennoia manipola Uomini e Donne | Il ritorno del gate Sara Affi Fella

Leggi anche –> Pietro Genovese: “Gaia e Camilla non le ho viste, sono passato con il verde”

La denuncia dei genitori e le voci tra le compagne di classe

Negli ultimi tempi, la fotografia è verosimilmente passata su vari dispositivi. Ad avvertire la ragazzina di quanto stava accadendo sono state le compagne di classe, che hanno provveduto a metterla in guardia. La 12enne ne ha così parlato con gli insegnanti, che hanno a loro volta avvertito la famiglia. La stessa, ha prontamente deciso di sporgere denuncia.

Gli investigatori sembrano avallare la possibilità di invio con la modalità “visualizzazione singola” su Instagram. Se fosse stato fatto uno “screenshot”, un’istantanea dello schermo, alla ragazzina sarebbe infatti arrivata una notifica. Cosa che invece non è avvenuta. Pensava di essersi tutelata nonostante il rischio che una foto senza vestiti comporta. Ma così non è stato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui