Liguria, muore folgorato un tecnico della ditta Temar

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:37

Tragedia in Liguria. Un uomo è morto folgorato mentre riparava un guasto in una cabina elettrica con alta tensione. Indagini in corso cercheranno di ricostruire la dinamica dell’incidente.

Ancora una morte sul posto di lavoro. Casarza Ligure, in via Tangoni, un tecnico della ditta Temar di Chiavari è morto folgorato all’interno di una cabina elettrica con alta tensione, dove stava riparando un guasto. Sul posto i carabinieri, il magistrato di turno e i medici del 118 che hanno constatato il decesso. Non è ancora chiaro cosa sia accaduto nella cabina e quale guasto fosse in corso di riparazione. Indagini sono in corso per ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente.

Il 2019 è l’anno peggiore per quanto riguarda le morti sul lavoro, registrando un aumento rispetto agli incidenti avvenuti nel 2018 (che aveva già segnato un rialzo del 6% rispetto al 2017). Nel 2018, infatti, le denunce di infortunio con esito mortale sono state, secondo i dati Inail, 1.218, contro le 1.148 del 2017 e le 1.154 del 2016.

Leggi anche: La casa degli orrori | Arriva in ospedale per un ictus ma i medici scoprono degli ematomi

Leggi anche: Brianza | Tenta di rapire la bambina ma viene fermato dai passanti

Nei primi sette mesi di quest’anno le denunce sono state 599, 12 in più rispetto ai primi sette mesi dell’anno precedente (+2%). Da gennaio a luglio sono aumentate le denunce per i casi mortali avvenuti in occasione di lavoro mentre sono diminuiti quelli occorsi in itinere (da 173 a 167).

Dall’analisi sul territorio emerge un aumento dei casi mortali solo nell’Italia centrale e meridionale: 10 in più al Centro (da 110 a 120), 15 in più al Sud (da 119 a 134) e 12 in più nelle Isole (da 46 a 58). Fra le regioni con il più alto tasso di mortalità spicca la Puglia.

Gli incidenti “plurimi”, ovvero che causano la morte di almeno due lavoratori, nei primi sette mesi del 2019 sono stati 12 e hanno provocato la morte di 24 persone, prevalentemente sulla strada.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui