Cannabis indoor, Salvini: “Coltivarla a casa? La droga fa male”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:35

l leader della Lega si è mostrato pubblicamente contrario alla sentenza della Cassazione che ha dato il via libera alla coltivazione domestica della cannabis.

Cannabis indoor, Salvini: “Coltivarla a casa? La droga fa male” – meteoweek

La droga fa male, altro che coltivarsela in casa o comprarla in negozio, e anche le due ragazze morte a Roma ne sono la drammatica conferma. La Lega combatterà lo spaccio e la diffusione della droga sempre e ovunque“: ha voluto pubblicamente dire a tutti Salvini, in seguito alla diffusione della notizia che le sezioni penali unite della Corte di Cassazione hanno statuito che la coltivazione per uso domestico e personali della cannabis non è considerabile alla stregua di un reato.

Leggi anche –> Via libera del Senato alla Manovra. Scontro sulla cannabis e bagarre M5S

La coltivazione per uso domestico e personali della cannabis non è considerabile alla stregua di un reato – meteoweek

Al leader leghista ha fatto eco il governatore Massimiliano Fedriga: “A questi piccoli passaggi che di fatto vogliono arrivare alla droga libera, sono contrario. Non lo dico io, ma tutti i centri di recupero che ci sono e che si sono dichiarati contrarissimi all’impostazione che ha dato il governo. La nostra non è un’impostazione ideologica, ma pratica. I grillini e il Partito Democratico hanno un’impostazione ideologica sulla cannabis“.

Leggi anche –> Giovanardi: “Il mio giudizio sulla cannabis è negativo. Cassazione crea confusione”

Matteo Salvini si è pubblicamente schierato contro la decisione della Corte di Cassazione – meteoweek

La Lega, però, non è stata la sola: anche la comunità di San Patrignano che da anni si occupa di tossicodipendenza ha pubblicamente dichiarato la sua preoccupazione. In una nota ha fatto sapere: “Questa decisione inciderà negativamente sull’educazione dei minori che cresceranno, sempre di più, nella convinzione che l’utilizzo di cannabis sia innocuo e socialmente condiviso nello strisciante e progressivo percorso verso la legalizzazione che da anni è ormai in corso nel nostro Paese…“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui