The Nowhere Inn | Una proposta indecente per Dakota Johnson

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:09

The Nowhere Inn, presentato al Sundance Film Festival, è un mockumentary musicale interpretato da Carrie Brownstein, uno dei membri fondatori della rockband Sleater-Kinney.

Nel film Brownstein interpreta il regista di un documentario che racconta la storia dell’artista musicale Annie Clark, St. Vincent, in una versione fittizia del suo tour di Masseduction. Ma The Nowhere Inn è realizzato da Bill Benz.

The Nowhere Inn | Il cameo di Dakota Johnson

Durante un’intervista al Variety Studio di Sundance, Brownstein ha notato che gli Oscar ancora una volta hanno snobbato le registe donne anche quest’anno. “Ho due menti” ha detto. “Penso che ci sia qualcosa di un po’ arbitrario nei premi. In realtà ci sono stati così tanti grandi film quest’anno, molti dei quali sono stati diretti da donne, ma penso che guardare alle istituzioni come il primo posto per la convalida non sia necessariamente dove dobbiamo essere”.

Brownstein ha continuato: “Dobbiamo cambiare l’istituzione” ha detto. “È frustrante. Costituiamo una nuova Academy o qualcosa del genere”. Le opinioni critiche del gruppo su premi e riconoscimenti non diminuiscono il loro desiderio di riconoscimento quando si tratta di The Nowhere Inn, però. Benz ha scherzato sul fatto di dare il benvenuto a qualsiasi premio a nome del film, che presenta anche un cameo di Dakota Johnson, nei panni di se stessa in una stanza d’albergo.

The Nowhere Inn | Una proposta indecente per Dakota Johnson

Nel film, St. Vincent implora il personaggio di Brownstein di girare una scena sensuale di lei e Dakota Johnson, entrambi vestiti in intimo coordinato, con il suo iPhone. Clark ha spiegato come hanno convinto Johnson ad aderire al progetto, riferendosi all’attrice come “una reazione davvero eccezionale per quella che era una domanda molto strana“.

Penso che fosse originariamente una richiesta del tipo ‘Dakota interpreterai la mia ragazza?'” ha raccontato Clark. “Ti metterai la lingerie e sari in scena” ha aggiunto Brownstein. Sullo schermo quest’ultimo esita a girare la scena, notando la mancanza di un coordinatore dell’intimità sul set. Fedele ai loro metodi di recitazione, non c’era nemmeno un coordinatore dell’intimità sul set di The Nowhere Inn. Ma Brownstein ha sottolineato che non esisteva una vera scena di sesso, non ne avevano bisogno. Tuttavia, il gruppo ha parlato in anticipo delle aspettative e ha coreografato la scena.

The Nowhere Inn | Non solo groupies

The Nowhere Inn sfida gli stereotipi sui musicisti, dimostrando che la vita sulla strada non è particolarmente affascinante. “Non sono solo champagne e groupies“, ha detto Brownstein. Sebbene il film descriva una discesa stilizzata e vertiginosa nella follia, esamina anche la natura monotona del tour, come quando l’unico amico che un musicista ha è il suo videogioco preferito.

Clark, che ha preso in prestito un Nintendo Switch per la realizzazione di un film, è ora molto legato a Zelda. Dovremmo aspettare per vedere questo prodotto in Italia, forse sarà più semplice leggere intanto qualche reaction sui siti internazionali una volta che sarà completato del tutto. Sappiamo che Johnson si trova a suo agio con le scene di intimità, avete presente Cinquanta Sfumature?