6 musical che meritano un film dopo Cats

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:23

Dopo l’uscita nelle sale cinematografiche di tutto il mondo del musical Cats, abbiamo selezionato sei musical che secondo noi meriterebbero un film. 

Il conto alla rovescia per vedere la versione cinematografica del famoso musical Cats firmato dal grande Andrew Lloyd Webber è ufficialmente iniziato. A seguito dell’hype creato intorno all’uscita di questo film, di seguito vi parliamo di sei musical che meriterebbero di essere portati sul grande schermo.

Leggi anche: Judy, la recensione del film con Renée Zellweger

Cosa sappiamo sul film Cats?

Da quanto si evince dal trailer in italiano di Cats, la trama sembra non aver subito cambiamenti, confermando la presenza di gatti antropomorfi impegnati in coreografie in grado di incantare il pubblico di tutte le età. Il cast che ha preso parte al film Cats comprende non solo attori, ma anche cantanti e ballerini conosciuti in tutto il mondo.

Giusto per citare qualcuno: Taylor Swift, Jason Derulo, Jennifer Hudson, Judi Dench, Ian McKellen, James Corden, Rebel Wilson, e Idris Elba. Dopo il successo della canzone Memory cantata da Elaine Paige nel ruolo di Grizabella, ci sarà una canzone inedita scritta dallo stesso autore del musical e dalla cantante e attrice Taylor Swift dal titolo Beautiful Ghosts.

1. Il libro di Mormon

Il primo musical che meriterebbe una versione cinematografica è Il libro di Mormon (2011) di Trey Parker, Robert Lopez Matt Stone. Considerato uno degli spettacoli più popolari degli ultimi anni, sarebbe un vero peccato non fare un film su questo film per due ragioni. La prima riguarda le menti brillanti di Lopez e Stone autori dell’irriverente cartone animato South Park. La seconda perché sarebbe facile da realizzare, vista l’assenza di effetti speciali, come nel caso di Cats.

Ambientato in Uganda, racconta la storia di due giovani missionari mormoni inviati in un villaggio africano, nel quale un signore violento e tiranno minaccia la popolazione. I ragazzi giunti sul posto con le migliori intenzioni, cercheranno di diffondere le parole del Libro di Mormon alla popolazione locale. Terrorizzati dalla fame, dalle malattie sessualmente trasmissibili e dalla povertà i due missionari riusciranno nel loro intento.

2. Starlight Express

Capita spesso che quando un film o un’opera riceva un grandissimo successo in tutto il mondo, altri testi vengano lasciati nel dimenticatoio. Questo è il caso di Starlight Express, musical scritto a Andrew Lloyd Weber. Forse sulla scia favorevole del successo di Cats, c’è speranza che anche questo musical possa avere una chance e farsi riconoscere anche dai meno avvezzi al mondo del teatro.

Il musical del 1984 venne descritto dallo stesso autore come una moderna Cenerentola nella quale la protagonista è Rusty, un giovane locomotore a vapore che sogna di vincere una gara internazionale. Bersaglio delle sorellastre Greaseball ed Electra, il giovane è innamorato di Pearl, un vagone bellissimo che riuscirà a conquistare alla fine della gara, insieme al primo posto sul podio. La fata madrina invece è affidata al ruolo di Starlight Express, il trenino di mezzanotte che aiutava i locomotori che si trovavano in difficoltà.

Leggi anche: 5 biopic femminili da rivedere dopo Judy

3. Caro Evan Hansen

Il musical scritto da Benj Pasek e Justin Paul ha debuttato a Broadway nel 2016 raccontando una storia molto forte e tristemente attuale in tutto il mondo. Una storia fondata sulla piaga della depressione adolescenziale, viene raccontata attraverso la storia di Evan Hansen.

Evan è una liceale affetto da fobia sociale. Un giorno si trova immischiato nel suicidio di un suo compagno di scuola, che per lui non era altro che un semplice conoscente che era solito prenderlo in giro. Il protagonista, dopo essere stato interrogato dal Preside per la  morte di Connor, si troverà a mentire per non dare un altro dolore ai genitori, confermando l’amicizia con il ragazzo. A confermare questa bugia, una lettera e la firma del teppista sul gesso di Evan. Quest’ultimo dirà farà di tutto pur di dare sollievo alla famiglia distrutta dal tragico evento, arrivando ad inventare storie che avrebbero potuto riabilitare la reputazione di Connor. L’unica a conoscere la verità è la sorella del ragazzo scomparso prematuramente, Zoe, ragazza che Evans amava segretamente da anni.

Leggi anche: Sarà Billie Eilish a cantare la canzone del nuovo James Bond?

4. Miss Saigon

Considerato uno dei classici nel mondo dei musical alla stregua di Cats, Miss Saigon narra una travagliata storia d’amore ambientata durante la guerra in Vietnam. Prodotto dal duo Claude-Michel Schönberg e Alain Boublil che ha dato vita al capolavoro de Les Miserables, questo spettacolo fa parte nella classifica dei franchise che hanno incassato più di tutti i tempi.

Sebbene Miss Saigon sia uno spettacolo davvero bello, sotto vari aspetti, a frenare la sua versione cinematografica sono la tematica della guerra e la sensibilità culturale. Nonostante tutti abbiano la consapevolezza che Miss Saigon potrebbe essere un vero successo al cinema, si fatica a trovare un regista che sia propenso a dirigere un film de genere. L’ultimo ad essere interpellato è stato Danny Boyle, il quale ha preferito declinare l’invito.

5. Assassins

Assassins è un musical atipico e differente da quelli finora citati. Scritto da John Weidman e Stephen Sondheim ha debuttato nella nota off-Broadway nel 1990 con un cast di tutto rispetto: Victor Garber, Terrence Mann, Patrick Cassidy, Greg German e Annie Golden. Uno spettacolo bello e sfortunato che ha visto sfumare la possibilità di approdare a Broadway a causa dell’attentato dell’11 settembre 2001, per poi riuscirci solo 3 anni dopo allo Studio 54.

Un’opera da considerarsi un ibrido perché il suo testo attinge dalla forma di rivista musicale, mescolando vari stili musicali in base alla scena che viene raccontata. Il centro della storia riguarda gli assassini e le persone che nel corso dei secoli hanno cercati di assassinare i Presidenti degli Stati Uniti.

6. She Loves Me

She Loves Me è un musical scritto da Joe Masteroff insieme a Sheldon Harnick e Jerry Bock. Verrebbe da considerarlo un vero Highlander nella sfera di questo genere teatrale, se si pensa che la prima dello spettacolo ci fu a Broadway nel lontano 1963 e rimase in scena con oltre 300 repliche. A Budapest, all’interno di un gruppo di amici due persone da anni sono segretamente innamorate. Quella che può sembrare una romantica storia d’amore, assume tinte piccanti, con il coinvolgimento degli amici dell’ignara coppia.

She Loves Me, rispetto anche a Cats, è perfetta per essere portata sul grande schermo e sembra strano che Hollywood ancora non abbia preso provvedimenti a riguardo. La storia è stata fonte d’ispirazione per il film C’è posta per Te, ma non è la stessa cosa.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui