Home Tv - Serie Tv e Fiction The Witcher è il più grande successo Netflix di sempre | ecco...

The Witcher è il più grande successo Netflix di sempre | ecco perchè

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:52
CONDIVIDI

The Witcher, la serie tv Netflix con Henry Cavill potrebbe essere il più grande successo della piattaforma streaming.

La serie fantasy The Wticher, basata sui romanzi e racconti scritti da Andrzej Sapkowski, è stata accolta da una fan base che in poco tempo è diventata gigantesca. Forse il merito è anche del videogioco omonimo, poichè i fan che ci hanno giocato avevano già familiarità con Geralt e il Continente e sono andati a colpo sicuro su Netflix, facendo posizionare la serie al terzo posto tra le serie più viste nella prima settimana, dopo Stranger Things e The Mandalorian di Disney +.

Il successo di The Witcher

The Witcher è diventato un fenomeno di cultura pop. Nonostante abbia ricevuto recensioni contrastanti da parte della critica, la serie tv ha avuto un impatto enorme sui fan di tutto il mondo. Ha incrementato la vendita di libri e videogiochi e l’entusiasmo che la circonda  è sembrato addirittura convincere alcuni critici, con un punteggio del 66% su Rotten Tomatoes.

Leggi anche: Henry Cavill | 10 curiosità sul sexy protagonista di The Witcher

Leggi anche: The Witcher | la parrucca di Henry Cavill e altre curiosità dietro le quinte

The Witcher | Parlano i numeri

Secondo i guadagni del quarto trimestre di Netflix del 2019, The Witcher è diventata una delle prime stagioni di maggior successo di Netflix di sempre. Nel corso delle sue prime quattro settimane, 76 milioni di famiglie hanno visto The Witcher. La definizione di “guardato” su Netflix significa che quella percentuale di persone “hanno scelto di guardare e hanno guardato per almeno due minuti” la serie.

Questa metrica è diversa dalla loro precedente che riportava coloro che hanno “guardato il 70 % di un singolo episodio di una serie”. Mentre due minuti non sono molto tempo, 76 milioni di famiglie si sono sintonizzati per vedere Geralt di Henry Cavill, Yennefer di Anya Chalotra e Ciri di Freya Allan. I tre personaggi principali e il loro spettacolo aumenteranno sicuramente di popolarità solo una volta che la seconda stagione andrà in onda nel 2021.

Leggi anche: Si è spento Christopher Tolkien, figlio della leggenda del fantasy

Leggi anche: Il Trono di Spade, la prima serie prequel arriverà nel 2022

The Witcher | Il tempo è relativo

Una delle uniche cose che sia i fan che i critici hanno messo in discussione nella prima stagione di The Witcher è la sua linea temporale contorta. Mentre la prima stagione segue tre personaggi principali su una linea temporale non lineare, la seconda stagione no, la linea temporale converge alla fine della prima stagione. Alcuni spettatori che non hanno familiarità con il materiale originale di The Witcher hanno trovato difficile seguire la prima stagione.

Una sequenza temporale più coerente nella seconda stagione potrebbe riportare i pochi spettatori persi nella prima stagione, aumentando la sua enorme fan base. Indipendentemente da ciò, The Witcher avrà un sacco di tempo per mettere a punto il suo approccio narrativo. Il CEO Reed Hastings ha definito The Witcher come “un nuovo enorme franchising che [continuerà] a svilupparsi stagione dopo stagione”, proprio come Il Trono di Spade di HBO.

The Witcher vs Il Trono di Spade

Prima che The Witcher fosse disponibile su Netflix, era stato pubblicizzato da molte persone come il prossimo Il Trono di Spade. La deludente stagione finale di quest’ultimo e il conseguente contraccolpo sono serviti come una sorta di punto di riferimento per cosa non fare. La prima stagione di The Witcher potrebbe non essere acclamata dalla critica come Il Trono di Spade, ma ha già un numero di spettatori da record.

A differenza del collega HBO, The Witcher di Netflix ha un set completo di materiale originale amato da cui attingere; a lungo termine The Witcher potrebbe non essere solo la più grande prima stagione televisiva di Netflix, ma uno dei più grandi spettacoli fantasy di tutti i tempi.